Mostre

Vengono allestite due mostre: Il suono del tempo:campane e orologi e Le stanze del conte. Palazzo Tozzoni a Imola:l'appartamento barocchetto restaurato

Il suono del tempo: campane e orologi Foto di Riccardo Vlahov (37.36 KB)

l’esposizione scaturisce da un’indagine campione condotta dall’IBACN.

Il tempo scandito dal ticchettio di un orologio o dai rintocchi regolari delle campane ha accompagnato per secoli il cammino dell'uomo. La mostra, che a queste suggestioni affianca gli esiti puntuali dell'indagine campione che l'Istituto Beni Culturali ha  pubblicato nel volume Macchine orarie. Orologi da torre e orologiai in Emilia-Romagna, intende ricondurre sulle tracce di queste lontane atmosfere attraverso gli orologi meccanici da torre e le campane. Diffondere l'interesse ed una considerazione più attenta al loro valore culturale è il principale obiettivo dell'evento espositivo; evento che sarà inoltre arricchito dalla presenza di alcune campane collocate a castello negli spazi antistanti il padiglione della mostra che potranno essere ammirate e sentite suonare grazie all'antica arte dei maestri campanari sia all'inaugurazione che una volta al giorno, nella pausa pranzo.

Pubblicazioni:

Macchine orarie. Orologi da torre e orologiai in Emilia-Romagna, a cura di Antonio Campigotto, Alessandra Parisini e Patrizia Tamassia, Bologna 2000;

 
 

Le stanze del Conte. Palazzo Tozzoni a Imola: l’appartamento barocchetto Foto di Riccardo Vlahov (36.56 KB) restaurato

In collaborazione con il Comune di Imola.

Intento principale della mostra è la valorizzazione del patrimonio di oggetti d'arte ed arredi d'epoca di Palazzo Tozzoni nonchè la presentazione dei restauri realizzati dall'Istituto Beni Culturali in collaborazione con il Comune di Imola. La mostra si avvale del patrocinio dell'ICOM Italia. L'edificio in questione costituisce un "unicum" nel panorama regionale sia per la pregevole veste architettonica, databile agli anni 20-30 del XVIII secolo, sia per le ricche collezioni d'arte raccolte dai proprietari, i conti Tozzoni, sia soprattutto per la cospicua presenza di arredi d'epoca. In una ricostruzione scenografica degli spazi reali realizzata dall'Accademia di Belle Arti di Ravenna, la mostra intende presentare al pubblico ferrarese una selezione di opere restaurate, scelte fra quelle che arredano il cosiddetto "appartamento barocchetto", l'ala del palazzo che insieme alla facciata e allo scalone d'onore meglio documenta la cultura del tardo-barocco bolognese.

Pubblicazioni:

Restauri a palazzo, a cura di Luisa Bitelli e Marta Cuoghi Costantini, Dossier IBC

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/09/14 15:05:00 GMT+2 ultima modifica 2012-09-14T17:04:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina