Incontrare il patrimonio

L'arte in una stanza

A Baiso, nell'Appennino reggiano, l'Archivio che serba la memoria dello storico dell'arte Giovan Battista Toschi ha aperto le sue porte e i suoi cassetti agli studenti della scuola che porta lo stesso nome.

L'arte in una stanza

La scommessa di partenza è nata dalla volontà di ridare voce a Giovan Battista Toschi (1848-1934), figura preminente a livello nazionale nel mondo della cultura. Vissuto a stretto contatto con i grandi storici dell’arte, fu capace di una scelta obsoleta: rinunciare a una vita itinerante da uomo in carriera per partecipare alla costruzione della cultura nazionale senza spostarsi dalla casa natale. La struttura, ancora integra, vivibile e viva, oggi ospita l’archivio che ne porta il nome.

 

Quali prodotti o iniziative sono stati realizzati, e come?

Il gruppo laboratoriale ha cercato di rendere fruibile al maggior numero di persone possibili l’esperienza vissuta, creando prodotti che potessero essere consultati on line:

  • un libro digitale interattivo da consultare sul sito della scuola;
  • uno spazio web dedicato all’Archivio “Toschi”;
  • un archivio fotografico dei luoghi toschiani;
  • la corrispondenza di Toschi digitalizzata;
  • un docufilm sul progetto.

 

Scheda tratta dal volume: "Io amo i beni culturali. Concorso di idee per la valorizzazione dei beni culturali. I progetti vincitori della II edizione. Anno scolastico 2012-2013" (pdf6.16 MB)

Scuola: Istituto comprensivo “Giovan Battista Toschi” di Baiso (Reggio Emilia) - Scuola secondaria di primo grado
Archivio: Archivio “Giovan Battista Toschi” di Baiso 
Altri partner: Comune di Baiso; Associazione "Baiarte"
Classi coinvolte: 3 classi di scuola secondaria di primo grado
Studenti coinvolti: 15 alunni
Web: www.comune.baiso.re.it/newsite/
Email:
elenferrari@libero.it

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/12/16 17:25:00 GMT+2 ultima modifica 2018-03-05T12:53:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina