A Savignano sul Panaro la mostra "L'offesa della razza. Razzismo e antisemitismo dell'Italia fascista"

Le sale del Municipio ospitano la mostra storico-documentaria itinerante dal 25 gennaio al 7 marzo 2020
  • Quando dal 25/01/2020 al 07/03/2020
  • Dove Savignano sul Panaro (Mo), Municipio
  • Aggiungi l'evento al calendario iCal

Dal 25 gennaio al 7 marzo, nell'ambito della rassegna "Un Comune aperto per Mostra", le sale del Municipio ospitano la mostra storico-documentaria itinerante "L'offesa della razza. Razzismo e antisemitismo dell'Italia fascista". La mostra è aperta gratuitamente negli orari di apertura del municipio (dal lun. al sab. dalle 8,30 alle 13,00 ed il giov. dalle 14,30 alle 18,00).

Locandina (pdf, 6.17 MB)

La Mostra
La mostra, realizzata dall'IBC e allestita per la prima volta a Bologna nel 2005 e successivamente esposta in varie sedi in Italia, ricostruisce attraverso documenti e testimonianze il razzismo e l'antisemitismo nelle forme che assunsero ai tempi dell'Italia fascista.
È il seguito di un percorso iniziato nel 1994 a Bologna, e poi in molte altre città italiane, con la mostra itinerante “La menzogna della razza. Documenti e immagini del razzismo e dell'antisemitismo fascisti”, proseguito con l'edizione bolognese di “Immagini & Colonie”, e integrata da “L'Africa in giardino. Appunti sulla costruzione dell'immaginario coloniale”, da “I 'problemi' del fascismo” e da “Scritture di colonia. Lettere di Pia Maria Pezzoli dall'Africa orientale a Bologna (1936-1943)”. Un interesse, quello della Soprintendenza per i beni librari e documentari dell'IBC verso la documentazione del tema del razzismo e in generale dell'atteggiamento verso il "diverso" in epoca fascista, che nasce dall'attenzione verso i notevoli nuclei archivistici della prima metà del XX secolo conservati nella nostra regione negli Archivi di Stato, negli Archivi storici comunali e i fondi documentari presenti presso le biblioteche e gli istituti storici pubblici e privati.
Si tratta di un punto di partenza privilegiato per una riflessione quanto mai attuale nella nostra epoca, che offre grandi opportunità di conoscenza e di contatto fra diverse e lontanissime culture e presenta insieme immensi rischi di arroccamento e chiusura in difesa di presunte purezze. Da qui le sollecitazioni ad approfondire tematiche di pressante modernità e l'interesse riscosso da tali iniziative, tanto che anche questa, come la precedente, e diventata una mostra itinerante e già molte sono le sedi dove è stata esposta.
Per coinvolgere anche un pubblico non specialistico, si è scelto un linguaggio più accessibile e una forma ridotta rispetto alla precedente mostra su “La menzogna della razza” per realizzare uno spaccato di quegli anni e dell'aberrante ideologia razzista e antisemita dell'epoca fascista.
La mostra è stata curata da Riccardo Bonavita, Gianluca Gabrielli e Rossella Ropa

Scheda del Catalogo mostra

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina