Biblioteca Palatina di Parma - Gabinetto Disegni e Stampe

La ricchissima dotazione di materiali grafici della Biblioteca Palatina di Parma è raccolta in particolare nei seguenti fondi:
Raccolta Ortalli: 134 volumi contenenti 40.000 stampe provenienti dal Gabinetto di Massimiliano Ortalli (tra cui 9 volumi di ritratti francesi raccolti dall’incisore Pietro Antonio Martini), acquistati da Paolo Toschi, ceduti nel marzo 1828 a Maria Luigia e dalla sovrana donati alla Biblioteca Ducale.
Fondo Balestra (o Parmense): 2.369 incisioni e 640 litografie; nucleo iniziale di 1.067 unità acquisito dal canonico Raffaele Balestra negli anni seguenti l’ingresso della Raccolta Ortalli, integrato da successivi acquisti.
Fondo Palatino: 379 incisioni e 259 litografie. Fondo Micheli Mariotti: 330 incisioni e un numero non precisato di litografie. Raccolta di ritratti: 2.400 unità tra incisioni e litografie. Donazione Mossini: 36 incisioni donate dall’artista parmigiano Ettore Mossini alla biblioteca in occasione di una mostra a lui dedicata nel 1997.
Dall’Inventario delle proprietà mobili dello Stato esistenti nella Biblioteca Nazionale di Parma al 31 dicembre 1875, il patrimonio di stampe risultava quantificato in 93.750 unità.

Bibliografia: A. Ciavarella, Notizie e documenti per una storia della Biblioteca Palatina di Parma. I 200 anni di vita dalla sua fondazione (1762-1962) e il centenario della morte di Angelo Pezzana, Parma, Biblioteca Palatina, 1962, pp. 27, 28, 143; G. Benassati, La catalogazione delle stampe nelle biblioteche dell’Emilia-Romagna, comunicazione al Convegno “La catalogazione informatica delle stampe”, Roma, 21-22 giugno1988, pubblicato in “IBC Informazioni”, anno IV, n.s., 3-4 (maggio-agosto 1988), p. 89; E. Colombo, Biblioteche in Emilia-Romagna, Bologna, Edizioni Analisi, 1991 (Emilia-Romagna Biblioteche Archivi, 18), p. 650; L. Farinelli, “Parma inv. et sculp. Ettore Mossini”, Parma, Silva Editore, 1997 (Biblioteca Palatina. Cataloghi e Mostre); Idem, I beni bibliografici. Le Raccolte delle Biblioteche Statali, in G. Adani, J. Bentini (a cura di), Atlante dei Beni Culturali dell’Emilia Romagna, Bologna, Rolo Banca 1473, 1996, v. IV, p. 80; L. Bedulli, Il Fondo Balestra o Parmense. Il primo saggio di catalogazione alla Biblioteca Palatina, in L’arti per via. Percorsi nella catalogazione delle opere grafiche, a cura di G. Benassati, con una presentazione di E. Raimondi, Bologna, Compositori, 2000 (IBC Immagini e Documenti. Imago), pp.159-165; R. Cristofori, Ricerca d’infinite cose. Le sperimentazioni artistico-scientifiche del conte Stefano Sancitale, ibidem, pp.106- 156; Parmigianino tradotto: la fortuna di Francesco Mazzola nelle stampe di riproduzione fra il Cinquecento e l'Ottocento, a cura di Massimo Mussini, Grazia Maria De Rubeis, catalogo della mostra, Cinisello Balsamo, 2003.
Azioni sul documento
Pubblicato il 21/05/2012 — ultima modifica 05/09/2012

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali