9|10|11 ottobre 2015 si svolge la seconda edizione “Un Sistema Armonico live”. Tre giorni dedicati alla musica nei musei dell’Emilia-Romagna

Per far conoscere il patrimonio musicale conservato nei musei dell’Emilia-Romagna, particolarmente ricco e importante, l’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna organizza venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 ottobre 2015 la seconda edizione di Un Sistema Armonico Live, fine settimana di eventi nei musei musicali della regione.

Il programma della manifestazione, realizzata in collaborazione con i Comuni e le istituzioni culturali del territorio, prevede concerti, conferenze, animazioni teatrali, lezioni, incontri, visite guidate, quando non addirittura “suonate”, che si svolgeranno in 20 diversi musei e luoghi musicali.

Si va da luoghi iconici come le case natali di Giuseppe Verdi a Roncole di Busseto e di Arturo Toscanini a Parma a collezioni raffinate come quella del musicista e studioso bolognese Luigi Ferdinando Tagliavini; dai musei che documentano le tradizioni musicali popolari a quelli dedicati alla riproduzione sonora e ai dischi d’epoca.

I musei coinvolti a Bologna sono il Museo internazionale e biblioteca della Musica, il Museo di San Colombano del circuito di Genus Bononiae, il Museo della comunicazione “Mille voci…mille suoni” di Giovanni Pelagalli a cui si aggiungono il Conservatorio “G.B. Martini” e l’antica e prestigiosa Accademia Filarmonica.

Budrio partecipa con il suo Museo dell’Ocarina e Pieve di Cento con il Museo della Musica ospitato nella sede municipale. A Riola di Vergato sull’Appennino bolognese sarà inoltre possibile visitare eccezionalmente la collezione di strumenti musicali meccanici “Marino Marini” non ancora aperta al pubblico.

A Modena sono coinvolti la Galleria Estense e il Museo civico d’Arte e, su tutt’altro fronte, il Museo-laboratorio “Quale Percussione?” che raccoglie strumenti a percussione provenienti da tutto il mondo.

In provincia di Parma, Busseto partecipa con il Museo di Casa Barezzi; Noceto con il suo Castello della Musica, mentre il Museo Cantoni di Coltaro di Sissa e il Museo Guatelli di Ozzano Taro ci ricordano che la musica popolare è parte integrante e viva della tradizionale musicale del nostro territorio.

Forlì propone eventi a partire dalle collezioni del Museo Romagnolo del Teatro, mentre sulle colline di Cesena, a Villa Silvia Carducci, dimora estiva del poeta, tutti sono invitati a visitare il Museo Musicalia di strumenti musicali meccanici.

La liuteria rappresenta un filone importante del patrimonio musicale regionale e alcuni laboratori dei vecchi maestri liutai sono conservati nei musei: così Medicina celebra Ansaldo Poggi e Castel Bolognese Nicola Utili.

In rappresentanza della musica della costa non poteva mancare il liscio: Savignano sul Rubicone organizza visite guidate e esibizioni di ballo in omaggio al Maestro Secondo Casadei.

Tutti gli eventi in programma sono gratuiti, fatta eccezione per quei musei che fanno in ogni caso pagare un biglietto di ingresso.

Ricordiamo infine che Un Sistema Armonico è anche il nome dell’itinerario multimediale realizzato da IBC - visitabile su ibcmultimedia.it - che raccoglie una quarantina di musei e luoghi musicali in regione, fornendo di ciascuno informazioni, descrizioni e immagini.

Azioni sul documento
Pubblicato il 11/01/2016 — ultima modifica 11/01/2016

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali