24/10/2015 Bologna, apre la mostra “Le Bologne possibili. Progetti non realizzati per la città. Gli anni '20 e '30. La Regia Scuola degli Ingegneri all'Annunziata (1920) e il progetto di Piero Bottoni per via Roma (1938)”

Scopriamo la Bologna che non c'è

A Bologna, sabato 24 ottobre alle ore 11 si inaugura alla Sala Esposizioni di Urban Center Le Bologne possibili. Progetti non realizzati per la città. Gli anni '20 e '30. La Regia Scuola degli Ingegneri all'Annunziata (1920) e il progetto di Piero Bottoni per via Roma (1938).

 

La mostra è realizzata in collaborazione da IBC Emilia-Romagna e Dipartimento di Architettura dell'Università di Bologna. Intervengono Angelo Varni, presidente dell'Istituto Beni Culturali e Patrizia Gabellini, Assessore all'Urbanistica, città storica e ambiente del Comune di Bologna.

Quali e quanti sono, a Bologna, i progetti rimasti solo intenzioni? Tutte le città sono ricche di opere mancate, anche di autori importanti: a Venezia ad esempio dovevano esserci architetture di Wright, Le Corbusier, Kahn, che non sono mai state realizzate. Occasioni perdute o pericolo scongiurato?

 

Bologna non è da meno. In anni recenti non è riuscita ad avere una chiesa di Le Corbusier, nel passato trovò motivi per respingere Palladio...

A distanza di tempo viene naturale cercare di capire cosa abbia portato alle rinunce, alle architetture interrotte, e non sempre si trovano risposte convincenti: prevalsero contingenze economiche sfavorevoli o invece crisi di ideali politici? E le resistenze, le opposizioni furono espressioni di valide ragioni, di considerazioni sufficientemente ponderate, argomentate, giustificate? Le reazioni di rifiuto verso le proposte individuavano qualità davvero scarse o erano soltanto pregiudizi conservativi?

 

Le Bologne possibili ha l'obiettivo di far conoscere alcune delle previsioni non realizzate in città, dal Rinascimento ad oggi. Mettere in evidenza i progetti rimasti soltanto possibili è un modo per riflettere su come poteva essere la città, rilanciare la discussione, tenere aperta la porta verso le alternative e forse anche sull'utopia. Il germe del progetto sta nel desiderio di cambiare. La città è la risultante di una oscillazione continua tra possibile e reale, cambiamento e persistenza, volontà e caso.

 

Nella mostra, che è la prima di una serie che affronterà vari periodi della storia della nostra città, vengono esaminati da vicino due progetti non realizzati negli anni '20 e '30, ricostruendoli e ambientandoli nella città odierna, attraverso modellazioni grafiche inserite in gigantografie della città attuale.

 

L'iniziativa è curata da Matteo Sintini, Simone Garagnani e Luisa Bravo, da una idea di Piero Orlandi, le fotografie sono di Luciano Leonotti.

Urban Center Bologna, Sala Esposizioni

dal 25 ottobre al 15 novembre 2015

martedì-venerdì dalle 10 alle 20, sabato dalle 10 alle 19

Azioni sul documento

pubblicato il 2016/01/11 10:22:04 GMT+1 ultima modifica 2016-01-11T11:22:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina