13/4/2011 Modena venerdi’15 aprile 2011, Convegno “Il patrimonio argheologico industriale a Modena”

Una giornata di studio con l’obiettivo di far conoscere a tutti l’importanza del patrimonio industriale del territorio di Modena e Provincia.
A Modena, venerdì 15 aprile 2011 a Modena presso l'Accademia Nazionale di Scienze , Lettere ed Arti (Corso Vittorio Emanuele II, 59) dalle 9.30 alle 18 si terrà una giornata di studio "Il patrimonio archeologico industriale a Modena", promossa da Italia Nostra (Sezione di Modena) e L'Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico industriale (Emilia-Romagna) e con il patrocinio, tra gli altri, dell’Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna.
La giornata di studio si pone l’obiettivo di far conoscere a tutti l’importanza del patrimonio industriale del territorio di Modena e Provincia  che risulta rilevante non solo per l’eccellenza di alcuni complessi, bensì per il significato che, in particolare nella città di Modena, assume l’insieme nel tessuto urbanistico, economico e sociale.
Nella mattinata verranno illustrati i criteri metodologici e i progetti di carattere generale con interventi di Renato Covino su “Patrimonio industriale, identità cittadine e sviluppo urbano”, di Giovanni Losavio “Documenti per la storia di Modena industriale” di Paolo Frabboni “La tutela del patrimonio industriale modenese”, di Massimo Tozzi Fontana su “Appunti su industria e paesaggio” e di Enrico Chirigu sul “censimento del patrimonio industriale modenese”. Al pomeriggio verranno posti all'attenzione dei partecipanti diversi casi di studio modenesi di particolare interesse . Patrizia Curti ci parlerà della storia dell’azienda elettrica, Rossella Ruggeri dell’area racchiudente l’artigianato automobilistico modenese (One Square Mile) , Giulia Piscitelli delle ex-Fonderie Riunite, Francesca Govoni ed Alice Sighinolfi del complesso della Manifattura Tabacchi , Anna Rosa Venturi della Stazione delle Ferrovie Provinciali, Giulia Giusti e Eulalia Goles del Villaggio Artigiano, Antonio Nicoli delle Fornaci Hoffmann nel territorio modenese.
Alcune di queste tematiche si riferiscono ad aree  oggetto di progetti di recupero e riconversione, alcuni già avanzati nella realizzazione, altri sulla carta. In città e fuori si è sviluppata una intensa discussione tra amministratori, progettisti e cittadini su alcune delle scelte effettuate.  
L’ingresso è gratuito . Non occorre l’iscrizione.
Azioni sul documento
Pubblicato il 23/04/2012 — ultima modifica 09/08/2012
< archiviato sotto: , , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali