13/06/2012 Bologna, Hospes/hostis, I volti dell’ospite Festival del Mondo Antico, XIV edizione 22, 23, 24 giugno 2012

I contenuti del Festival

Alla presentazione della XIV edizione del Festival del mondo antico che si terrà dal 22 al 24 giugno a Rimini, l’assessore alla cultura della Regione Emilia-Romagna, Massimo Mezzetti ha dichiarato che in Romagna, tra Rimini e Ravenna, si realizza un formidabile distretto culturale focalizzato sull’archeologia. Questo ha visto crescere con sistematicità i numeri del turismo culturale rispetto ad un’idea di turismo concentrato sulla pura vacanza.

Il tema portante di questa edizione del Festival è l’ospitalità che identifica Rimini nel mondo e in tutta la sua storia. Ma che è senz’altro  basilare del vivere, dal mondo omerico ad oggi.

Un’ospitalità che si specchia nelle sue diverse facce, lungo le accezioni che accompagnano il rapporto con lo “straniero”,  ora amico (hospes), ora nemico (hostis), in un confronto dialettico fondamentale per la consapevolezza della propria identità.

Il Soprintendente archeologo Filippo Maria Gambari ha sottolineato come il patrimonio archeologico e i beni culturali in genere debbano essere vissuti come ospiti di un territorio che deve saperli proteggere e valorizzare in quanto patrimonio comune.

Fra approfondimenti, dialoghi, presentazioni di novità editoriali, tavole rotonde, spettacoli, film, visite guidate…il Festival diventerà teatro di incontro con autorevoli esponenti della cultura. A iniziare dalla tavola rotonda Ospitiamo la cultura!, promossa dall’Istituto Beni Culturali della Regione, che vedrà protagoniste alcune delle più stimolanti realtà impegnate nell’economia della cultura e del turismo in Emilia Romagna. Ci lasceremo affascinare dalle scoperte archeologiche presentate da Filippo Maria Gambari, Caterina Greco, Enzo Lippolis, Mario Luni, Jacopo Ortalli, Daniela Scagliarini Corlaita; avremo occasione di riflettere sul Mestiere dell’archeologo seguendo il racconto per immagini della mostra documentaria organizzata dall’IBC; approfondiremo pagine della storia romana con Giovanni Brizzi, ci avvicineremo a novità editoriali grazie alle voci, fra gli altri, di Andrea Augenti, Maciej Bielawski, Umberto Curi, Stefano Mazzotti,  Boris Pahor, Donatella Puliga …rifletteremo sull’ospitalità nella Bibbia negli incontri curati dall’ISSR “Marvelli”. Ci apriremo alle culture “altre” negli appuntamenti al Museo degli Sguardi. La storia dell’ospitalità riminese riaffiorerà nei volti dei suoi pionieri nel racconto di Ferruccio Farina e nei diari dei viaggiatori europei, commentati da Paola Spinozzi, che traducono l’ammirazione per il Tempio Malatestiano, mentre uno dei possibili sviluppi delle potenzialità turistiche collegate alla cultura dell’enogastronomia, è illustrato nell’incontro Enotourism club dove l’azienda diventa cultura, ospitalità e amicizia a cura di Alfredo Monterumisi.

I grandi segni dell’antico nella città saranno protagonisti di itinerari guidati e anche visti da prospettive diverse: in barca sotto le arcate del ponte di Tiberio, animati da moderni legionari all’anfiteatro, persino raccontati in dialetto.

Come consuetudine il Festival si arricchisce della partecipazione dei più rappresentativi Musei archeologici della Provincia. Se Riccione e Verucchio riservano la loro attenzione al pubblico dei più giovani con giochi-laboratori e percorsi animati, Santarcangelo offre visite al MUSAS e alla grotta monumentale pubblica, mentre Cattolica organizza presso il Museo della Regina un incontro con Marina Gazzini sul tema Ospitali. Ospitalità, accoglienza e assistenza: la tradizione medievale (domenica 24, ore 21).

Tornando a Rimini, le serate hanno in serbo un intrigante duello dialettico fra Alessandro Bergonzoni e David Riondino, la Casina di Plauto, in un’edizione giovane e multiculturale affidata alla compagnia europea Masks on Stage, una performance di liberazione corale dalla croce del dolore a cura dell’Associazione Quotidiana.com, per concludersi nel congedo dal Festival, con un omaggio a Tonino Guerra affidato a Luca Cesari, Rosita Copioli e Roberto Mercadini.

Come oramai tradizione, torna Piccolo mondo antico festival, lo spazio riservato a giochi e laboratori per i più giovani, con tante proposte e novità.

Ad annunciare la prossima edizione sarà l’anteprima affidata a Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose che dialogherà con Sergio Valzania su L’amore del prossimo, in programma martedì 19 giugno alle 21.30 nella Corte degli Agostiniani.

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, il Festival è promosso dal Comune di Rimini ed ha il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO - United Nations Educational Scientific Cultural,del  Ministero per i Beni e le Attività

Culturali, della Regione Emilia-Romagna, dell’ Università di Bologna (Polo scientifico didattico di Rimini).

Collaborano a questa edizione il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Emilia Romagna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna (IBC), Istituto Superiore di Scienze Religiose “Alberto Marvelli” di Rimini, MUSAS Museo Storico Archeologico di

Santarcangelo di R., il  Museo Civico Archeologico di Verucchio, il Museo della Regina di Cattolica, il Museo del Territorio di Riccione.

Il Festival gode del contributo della Provincia di Rimini, della Camera di Commercio, della Banca di Rimini e di Legacoop della Provincia di Rimini.

Piccolo Mondo Antico Festival è realizzato con la collaborazione di Città del Sole.

 

Rimini, 13 giugno 2012

Azioni sul documento
Pubblicato il 11/09/2012 — ultima modifica 11/09/2012

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali