Bando "Giovani per il territorio" II edizione: i vincitori

Sono 58 i progetti che hanno partecipato al concorso: online i 10 vincitori e la graduatoria finale

Con il progetto regionale "GPT Giovani per il Territorio", promosso dall'IBC, i giovani dell'Emilia-Romagna sono stati invitati a esplorare il proprio territorio, a prendersene cura, a riconquistarlo e a rinnovarlo, coniugando creatività e cittadinanza attiva.
Sono 10 i progetti selezionati tra le 58 domande pervenute, che hanno coinvolto una rete estesa di oltre 300 tra associazioni, enti e istituzioni, uniti nel condividere un percorso progettuale finalizzato alla gestione e valorizzazione dei beni culturali.
Il bando "Giovani per il territorio" sosterrà i 10 progetti con dieci contributi di 10.000 Euro (per un importo complessivo di ben 100.000 Euro) .

Graduatoria finale

I progetti pervenuti per la seconda edizione di GPT

Per saperne di più sul bando

   

I PROGETTI VINCITORI IN SINTESI:
 

Luceria: vivere il passato e progettare il futuro
Nell’area archeologica di Luceria, in territorio reggiano, il “Gruppo VEA” ricostruisce una “domus” e attiva un laboratorio sperimentale sulle antiche tecniche di costruzione, ampliando le possibilità di accesso e di lettura del sito da parte dei visitatori, soprattutto i più giovani.


Il Giardino Segreto di Palazzo Lettimi
L’associazione “Le città visibili” coinvolge un gruppo di ragazzi sotto protezione internazionale nel progetto che riporterà in vita il giardino di un palazzo cinquecentesco sfregiato dalla guerra nel centro storico di Rimini e lo restituirà alla cittadinanza.


Sulle tracce di antiche vie
Pievi, castelli, ponti, badie, borghi: sono 35 i manufatti medievali che resistono al tempo nell’Appennino parmense orientale: l’associazione “Pro Val Parma” vuole collegarli in un circuito e creare itinerari di visita appetibili, riscoprendo strade percorse per secoli da genti, merci e idee.


Mercato Sonato
Far rivivere, sotto forma di luogo culturale, un edificio che ha accolto per decenni gli scambi tra i bolognesi, in un quartiere della città che oggi accoglie cittadini da tutto il mondo: è questo l’obiettivo del progetto con cui l’associazione “Senzaspine” animerà il Mercato San Donato con musica, immagini, performance e laboratori.


Smart Dock: tattiche di riuso intelligente della darsena di Ferrara
L’associazione “Basso Profilo” è impegnata da tempo nel recupero di una zona fluviale che ha scritto la storia di Ferrara ma oggi è trascurata. Il progetto potenzia l’azione avviata, applicando un modello di gestione della darsena di San Paolo che mette al centro la comunità locale e i giovani.


AmarMET
“Io mi rimetto” è il motto romagnolo con cui gli associati di “Espressione a 512°” si mettono all’opera per aprire il Museo etnografico di Santarcangelo a chi vuole coltivare la terra e nutrirsene in modo sostenibile, e per trasformarlo in luogo di incontro, scambio e crescita.


Geocaching e orientamento culturale nelle terre del Frignano
Una forma di turismo culturale nuova e antica insieme, basata sulla tecnologia GPS e sul desiderio di scoperta, è la chiave con cui l’“Orienteering Club Appennino” parte da Pavullo per unire in una rete i luoghi storici del Frignano.


Il Po ricorda: vivere il confine
Una rassegna di eventi e un percorso tematico, realizzati dall’associazione “Arti e Pensieri”, uniranno luoghi e linguaggi diversi per far riscoprire a un pubblico ampio l’impronta del Grande Fiume nella storia di Piacenza.


Bicigrill ‘Il Mulino’
Creare il primo punto di accoglienza per cicloturisti lungo la ciclabile Destra Po, in corrispondenza del museo galleggiante Mulino del Po è lo scopo dell’associazione “Witoor Sport”, che coinvolgerà i giovani di Ro Ferrarese.


La Fenice: rinascita del Mercato Ittico di Marina di Ravenna
L’associazione “Aurora Polare” si è assunta il compito di riaprire i battenti dell’edificio che fu un mercato del pesce all’avanguardia e trasformarlo in un centro culturale dedicato al recupero delle specie ittiche minacciate.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 11/11/2015 — ultima modifica 16/03/2016

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali