Acqueduct (2009-2011)

Acquiring Key Competences through heritage education. L'educazione al patrimonio culturale come strumento per acquisire le otto competenze chiave stabilite dal Quadro di Riferimento. Il presupposto è che il patrimonio culturale, individuato da tempo dall’UE come risorsa educativa strategica, sia funzionale alle conoscenze disciplinari e contemporaneamente alla maturazione della personalità degli individui oltre che fattore di sviluppo sociale e culturale generale.

Logo AcqueductE' possibile insegnare matematica o scienze attraverso il patrimonio culturale?

L'educazione al patrimonio culturale può essere una risorsa per sviluppare competenze personali come capacità decisionale, competenze sociali e civiche o, ancora, per imparare a imparare?

Queste sono alcune delle domande a cui ci si è proposto di rispondere attraverso AQUEDUCT- Acquiring Key Competences through heritage education (Acquisire le competenze chiave attraverso l'educazione al patrimonio culturale), il progetto europeo coordinato dal Landcommanderij Alden Biesen  (Belgio) all'interno del Lifelong Learning Programme, azione Comenius, che ha coinvolto, tra i vari partner, l'Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna.

Sito ufficiale www.the-aqueduct.eu/

 

Il contesto e le azioni

Il progetto si è proposto di utilizzare l'educazione al patrimonio culturale come strumento per acquisire le otto competenze chiave stabilite dal Quadro di Riferimento adottato dal Parlamento europeo e dal Consiglio nel 2006

• comunicazione nella propria lingua;
• comunicazione in lingue straniere;
• competenza matematica e competenze di base in campo scientifico e  tecnologico,
• competenza digitale;
• imparare a imparare;
• competenze sociali e civiche;
• spirito di iniziativa e di imprenditorialità;
• consapevolezza ed espressione culturali.

In particolare, il progetto Aqueduct si è focalizzato sulle competenze trasversali, le ultime quattro dell'elenco.

Le azioni previste dal progetto sono state:

• identificazione di linee guida;
• progettazione e realizzazione di corsi di formazione per insegnanti e operatori  didattici;
• realizzazione di progetti pilota tra scuole e istituzioni cultural;
• azioni di diffusione e disseminazione (conferenze, pubblicazioni).

Il progetto Aqueduct è stato il punto di partenza per l’iniziativa regionale Io Amo i Beni Culturali, il concorso di idee per la valorizzazione dei beni culturali, rivolto alle scuole e alle istituzioni culturali che ha l’obiettivo di avvicinare i giovani al patrimonio culturale

I partner del progetto

Il partenariato è stato costituito da quattro Università ed enti di formazione degli insegnanti e cinque istituzioni culturali:

Landcommanderij Alden Biesen (coordinatore) (BE)

Katholieke Hogeschool Leuven (BE)

PLATO, Universiteit Leiden (NL)

Fundatia Transilvania Trust, Cluj (RO)

Universitatea Babes-Bolyai, Cluj (RO)

Istituto Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, Bologna (IT)

Malopolski Instytut Kultury, Krakow (PL)

Centre de Culture Européenne, St. Jean d’Angély (FR)

Pädagogische Hochschule Steiermark, Graz (AT)

 

Seminario conclusivo di formazione

Il 27 ottobre 2011 a Bologna presentazione dei risultati del progetto

A Bologna giovedì 27 ottobre 2011 si è tenuto un seminario di formazione con l'obiettivo di presentare i risultati del Progetto  Aqueduct. Nel corso della giornata sono stati illustrati i progetti pilota realizzati in Italia e i casi di studio raccolti nei diversi paesi partecipanti. Inoltre è stato presentato, con alcuni esperti del settore, il manuale Aqueduct, esito finale del progetto.

Programma del seminario

 

Gli eventi realizzati

Il 31 maggio 2011 l'Istituto Beni Culturali, in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bologna, ha organizzato il Seminario "Acquisire competenze attraverso il patrimonio culturale" rivolto agli studenti universitari, futuri insegnanti e operatori culturali.

Locandina del seminario

  

Il video del progetto pilota Italiano

Video Acqueduct

 

 

 

 

 

 

 

Allegati:

Newsletter n. 1

Newsletter n. 2

Newsletter n. 3

Newsletter n. 4

Newsletter n. 5

Newsletter - Aprile 2011

Newsletter - Ottobre 2011

Newsletter n. 6

Locandina del Seminario "Acquisire competenze attraverso il patrimonio culturale" - 31 maggio 2011

 

A chi rivolgersi:

Galloni Valentina
tel: 051 527 662 4
valentina.galloni@regione.emilia-romagna.it

Margherita Sani
tel: 051 527 661 6
margherita.sani@regione.emilia-romagna.it

Il progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Gli autori sono i soli responsabili dei contenuti di questo sito web e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in esso contenute.
Azioni sul documento
Pubblicato il 24/02/2012 — ultima modifica 03/05/2017

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali