CEC

‘Cradles of European Culture’ è un progetto europeo nell’ambito del programma Cultura 2007-2013 che intende promuovere l'idea dell'Europa come spazio culturale. Il progetto intende esplorare criticamente questo concetto utilizzando il territorio di Francia Media durante il periodo 850-1050 d.C. come vettore di base e campo di studio.

Nuovo logo CECFrancia Media, come spazio politico autonomo, data dall’ 843 al Trattato di Verdun, quando l'impero di Carlo Magno fu diviso in tre parti: Francia Est e Francia Ovest, grosso modo coincidenti ai territori di Germania e Francia, e, appunto, la cosiddetta Francia Media. E' un territorio che si estendeva tra il Mare del Nord, il bacino del Rodano, del Reno, le Alpi e l'Italia: comprendeva sia Aquisgrana che Roma.

Anche se la storia politica di Francia Media durò solo per un paio di decenni, il suo impatto culturale, economico e sociale fu notevole. Infatti all’interno di Francia Media si snodava la principale arteria commerciale tra Nord e Sud Europa che collegava il Mare del Nord con il Mediterraneo.

Una ventina di istituzioni (tra istituti culturali e di ricerca, università e musei) di Belgio, Germania, Francia, Lussemburgo, Italia, Croazia, Paesi Bassi, Slovacchia, Slovenia e Repubblica Ceca collaboreranno a questo progetto con l’obiettivo di evidenziare l’importanza di questo capitolo meno noto della storia e di sottolinearne il ruolo determinante nella costruzione dell’identità europea. Il progetto ha la durata di 5 anni (2010-2015).

L'Itinerario Culturale

Il filo conduttore del progetto è un itinerario culturale europeo che toccherà diversi paesi europei (Paesi Bassi, Belgio, Francia, Italia, Croazia, Slovenia, Slovacchia, Repubblica Ceca e Germania) all’interno dei quali 10 luoghi verranno trasformati in centri di interpretazione.
http://www.heritage-route.eu/

La mostra

Una mostra internazionale sarà ospitata in alcune sedi europee (Ename, Praga, Marsiglia, Ravenna): le esposizioni sono rivolte in particolare alle giovani generazioni, i principali destinatari di CEC. A Ravenna sarà in mostra IMPERIITURO dedicato a Renovatio Imperii, Ravenna nell'Europa Ottoniana.

Le attività collegate a Renovatio Imperii, Ravenna nell'Europa Ottoniana

Io Amo Beni Culturali

 

Progetto speciale CEC per la III Edizione del Concorso di Idee per la Valorizzazione dei Beni Culturali rivolto alle Scuole Secondarie di 1° e 2° grado e ai Musei e agli Archivi dell’Emilia-Romagna. Maggiori informazioni sul progetto speciale CEC.

 

Le attività previste dal progetto e ogni tipo di documenti e informazioni sui luoghi di Francia Media sono disponibili nel sito ufficiale del progetto: www.cradlesec.eu

I partner del progetto

  1. Institute for the Protection of Cultural Heritage of Slovenia (SI) (capo progetto)
  2. Ename Center for Public Archaeology and Heritage Presentation (BE)
  3. Provincial Archaeological Museum of Ename (BE)
  4. Provincial Archaeological Museum of Velzeke (BE)
  5. Culture Lab – International Cultural Expertise (BE)
  6. University of Rijeka - Faculty of Humanities & Social Sciences (HR)
  7. Institute for Archaeology of the Academy of Sciences of the Czech Republic (CZ)
  8. Université d’AIX-MARSEILLE (FR)
  9. Römisch-Germanische Kommission des Deutschen Archäologischen Instituts (DE)

10.  Istituto Beni Culturali Regione Emilia-Romagna (IT)

11.  Research Institute for the Heritage and History of Cultural Landscape and Urban Environment (NL)

12.  Gemeente Nijmegen - Bureau Archeologie & Monumenten (NL)

13.  The Monuments Board of the Slovak Republic (SK)

Partner Associati

14.  Service Public de Wallonie (BE)

15.  Université Libre de Bruxelles (BE)

16.  Vrije Universiteit Brussel (BE)

17.  vtbKultuur (BE)

18.  Museum of Croatian Archaeological Monuments (HR)

19.  Národní Muzeum (CZ)

20.  CERHIC EA 2616 : Université de Reims – Champagne – Ardenne, Centre d’étude et de recherche en histoire culturelle (FR)

21. Université de Lorraine - CLSH Nancy 2 (FR)

22.  Museum bei der Kaiserpfalz Ingelheim (DE)

23.  Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Storia delle Arti Visive e della Musica (IT)

24.  Institut Européen des Itinéraires Culturels (LU)

25.  National Museum of Slovenia (SI)

26.  Heritage Solutions (NL)

27.  Leiden University - Art History Department (NL)

28.  Museum Het Valkhof (NL)

A chi rivolgersi:

Maria Pia Guermandi
Tel. 051 527  668 3
Mariapia.Guermandi@regione.emilia-romagna.it

Il progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea.
Gli autori sono i soli responsabili dei contenuti e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in esso contenute.

Azioni sul documento
Pubblicato il 24/02/2012 — ultima modifica 06/07/2016

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali