Scheda di consistenza "Il Giornale d'Italia"

L’archivio redazionale de "Il Giornale d’Italia" è strutturato in due parti, organizzate diversamente al loro interno e contraddistinte anche dal colore dei contenitori:
Archivio I (1930-1965 circa, "buste marroni") è suddiviso in serie: ‘Biografie’ (serie B), ‘Cartografia’ (serie C), ‘Forze armate’ (serie F), ‘Località’ (serie L), ‘Navi’ (serie N), ‘Personaggi’ (serie P), ‘Varie’ (serie V). Della serie R non è stato individuato il nome ma solo le suddivisioni interne: ‘Varie Italia’, ‘Stati e paesi’; ‘Organizzazioni internazionali’, ‘Varie’;
Archivio II (1965 circa-1976, "buste azzurre"): i materiali sono raccolti per soggetto e le relative buste organizzate alfabeticamente, senza distinzione tra personaggi, luoghi, avvenimenti, ecc. Si segnala che una parte del contenuto delle buste dell’Archivio I è confluito nelle buste dell’Archivio II , e ciò avveniva ogni qualvolta le esigenze interne della redazione imponevano la costituzione di un nuovo fascicolo che veniva arricchito con la documentazione e i materiali già esistenti nell’altro archivio: in questo modo il nuovo dossier risulta essere poi il più completo.

Materiale manoscritto e dattiloscritto: la serie ‘Biografie’ (64 buste) dell’Archivio I contiene note biografiche manoscritte, dattiloscritte, ciclostilate ed articoli di giornali.
L’intervento di recupero dei Cataloghi a schede redatti e aggiornati nel corso degli anni dagli archivisti del quotidiano ha evidenziato che ci si trova di fronte, oltre che al fondamentale strumento d’accesso all’Archivio I, anche ad una fonte ricchissima di informazioni. Sulle schedine dei cataloghi sono infatti annotate le notizie dettagliate sull’oggetto in intestazione, ben oltre la potenzialità informativa fornita dal materiale contenuto nel fascicolo al quale la schedina rimanda: ad esempio in una scheda del catalogo ‘Navi’ è possibile trovare informazioni sulle navi da guerra e sulle perdite subite dalle singole flotte navali; nel catalogo ‘Serie R – sezione Varie Italia’ sono reperibili informazioni sulle nomine di ministri e prefetti.
I Cataloghi sono 9: uno per ognuna delle otto serie ricostruite nell’Archivio I più un catalogo relativo allo spoglio di notizie tratte da periodici dal 1947 al 1976, che non rimanda però ad alcuna parte dell’archivio. Quantitativamente sviluppano una lunghezza di circa 36 metri.

Materiale iconografico e fotografico: per quanto riguarda l’Archivio I le buste della maggior parte delle serie contengono fotografie, ritagli di giornali, clichées, cartoline. In particolare: la serie ‘Cartografia’ (9 buste) contiene ritagli di giornali, carte geografiche e clichées relativi a regioni e città italiane ma anche straniere; la serie ‘Forze armate’ (36 buste) contiene articoli di giornali e fotografie, soprattutto relative alle flotte aeree italiane e straniere e alle organizzazioni politico militari dell’Italia dei primi anni ‘40; la serie ‘Località’ (98 buste) contiene fotografie e cartoline; la serie ‘Navi’ (10 buste) contiene fotografie delle flotte navali italiane e straniere dagli anni della II Guerra mondiale ai primi anni ‘60; la serie ‘Personaggi’ (528 buste) contiene fotografie, articoli di giornali di personalità della vita politica, sociale ed economica in Italia e nel mondo dalla fine degli anni ‘20; la serie ‘Varie’ (44 buste) contiene fotografie raggruppate per materia.
Nell’Archivio II pressoché tutte le 1.019 buste (per un totale stimato di circa 50.000 fascicoli) contengono fotografie, ritagli di giornali e promemoria. I fascicoli, organizzati alfabeticamente, sono intestati soprattutto a persone, stati, città ma anche ad avvenimenti, in particolare legati alla cronaca.

Materiali a stampa: la ‘serie R’ dell’Archivio I (58 buste) contiene articoli, saggi e pubblicazioni varie; è suddivisa in 4 sezioni: ‘Varie Italia’ (con documenti, fra gli altri, su ambasciate, eserciti, governi, ministeri, giornali, banche, università, ecc.); ‘Stati e paesi’ (con documenti informativi su Paesi stranieri); ‘Organizzazioni internazionali’ (con materiali relativi, ad esempio, a ONU, NATO, Patti e trattati, ecc.; ‘Varie’ (documenti raggruppati per materie generali quali: atomica, disarmo, medicina e chirurgia, scienze, ecc.).
Si segnala inoltre la presenza di numerosi articoli e ritagli di giornali inseriti nei fascicoli delle diverse serie sia dell’Archivio I sia dell’Archivio II.

Inventari: Magda Abbati, Mirella Maria Plazzi, I cataloghi dell’archivio redazionale de "Il Giornale d’Italia", in "Strada Maestra", n. 38/39 (1995), pp. 393-412.

Raccolta libraria: insieme con l’Archivio redazionale è stata donata alla Biblioteca la raccolta completa del quotidiano, integrata con le diverse edizioni locali.

Bibliografia relativa al fondo: Pierangelo Pancaldi, L’archivio redazionale de "Il Giornale d’Italia" nella Biblioteca comunale "G.C. Croce" di San Giovanni in Persiceto, in "Strada Maestra", n. 30 (1° semestre 1991), pp. 179-193; Immagini dal Giornale d’Italia (1923-1960). Dall’archivio fotografico di un quotidiano tra Fascismo e Repubblica, a cura di Maria Serena Piretti, Bologna, Grafis, 1996.
Azioni sul documento
Pubblicato il 19/04/2012 — ultima modifica 19/04/2012

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali