GOT

Il ‘Progetto GOT – Gruppo operativo per il trasferimento dei risultati della ricerca bibliografica nei servizi sanitari – Emilia-Romagna’ ha avuto inizio il 28 dicembre 2000 con la firma della convenzione tra la Soprintendenza per i beni librari e documentari e le aziende sanitarie regionali. Con questa iniziativa è stato costituito un gruppo consortile per lo sviluppo di servizi bibliotecari più efficienti all’interno delle aziende sanitarie interessate alla contrattazione collettiva per l'acquisto di periodici elettronici, e-books e banche dati.

Logo GOTLo scopo di tali acquisizioni di risorse digitali da parte delle aziende sanitarie è stato di supportare il proprio impegno nella diffusione dell’Evidence based medicine (medicina basata sulle evidenze scientifiche) e nello sviluppo dei programmi di Educazione continua in medicina. Lo strumento della contrattazione collettiva di risorse informative digitali e l'attuazione di programmi di formazione continua per gli operatori dei servizi bibliotecari aziendali sono stati i capisaldi dell'attività del GOT per otto anni.

Fino al momento della sua chiusura, il 31 dicembre 2008, il GOT ha rappresentato l'unico gruppo consortile italiano interamente espresso dalle biblioteche del Servizio sanitario GOT - Dromberg stone circlenazionale per la negoziazione e l'acquisizione dei periodici scientifici elettronici.

Il gruppo GOT, guidato dalla Soprintendenza, ha coinvolto tredici aziende sanitarie della regione Emilia-Romagna attraverso i relativi servizi bibliotecari:

  • Soprintendenza per i beni librari e documentari - IBACN
  • Biblioteca medica P. G. Corradini - Azienda ospedaliera Arcispedale S. Maria Nuova di Reggio Emilia
  • Biblioteca centralizzata - Azienda ospedaliero-universitaria Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna
  • Biblioteca CeVEAS – Azienda USL di Modena
  • Biblioteca digitale di scienze della salute - Azienda ospedaliero-universitaria Arcispedale S. Anna di Ferrara
  • Biblioteca centralizzata M. Bufalini - Azienda USL di Cesena
  • Biblioteca S. Solieri - Azienda USL di Forlì
  • Biblioteca medico scientifica G. Laschi - Azienda USL di Bologna
  • Biblioteca - USL di Imola
  • Biblioteca tecnico-Scientifica - Azienda USL di Ravenna
  • Biblioteca Azienda USL di Rimini
  • Azienda USL di Ferrara
  • Azienda USL di Piacenza
  • Azienda USL di Reggio Emilia

L'attività del GOT ha favorito la creazione e la gestione di un corretto flusso dell’informazione scientifica tra le biblioteche da una parte e le attività cliniche e di ricerca dall'altra. Per la prima volta infatti i professionisti medico-sanitari delle aziende hanno potuto disporre di una grande quantità di riviste e articoli scientifici – direttamente sui loro pc in reparto – accuratamente selezionati in termini di qualità dal Consorzio GOT.

Questa grande quantità di informazione – costosissima se acquisita individualmente dalle singole biblioteche – è stata resa accessibile a costi contenuti grazie alla contrattazione collettiva condotta dal Coordinamento scientifico del Consorzio GOT, gestito interamente dalla Soprintendenza. Va sottolineato che l’informazione scientifica è venduta sul mercato mondiale da pochissimi editori che operano in regime di monopolio realizzando profitti elevatissimi. Il GOT ha sostenuto il Movimento open access, il cui scopo è di offrire libero accesso ai risultati della ricerca scientifica.

All’attività di negoziazione delle fonti informative si è aggiunta la creazione e lo sviluppo di una rete di attività e servizi consortili gratuiti operanti fra le aziende aderenti:

  • il Catalogo collettivo dei periodici delle biblioteche del GOT,
  • il software per la ricerca estesa in rete dell'informazione specializzata in ambito medico 'KOS - Open Searching Medical Sources',
  • la sperimentazione, la valutazione e la selezione delle risorse informative,
  • l'armonizzazione e la razionalizzazione degli acquisti delle risorse informative, anche cartacee, fra le singole biblioteche aderenti,
  • il servizio di document delivery,
  • l’accesso a periodici elettronici e banche dati anche per i medici di base dislocati sul territorio della provincia di Reggio Emilia.

La formazione specialistica continua degli operatori bibliotecari delle aziende – gestita dalla Soprintendenza ai sensi dell'art. 3 della LR 18/2000 – ha costituito poi il fulcro di tutti i progetti di miglioramento intesi a modernizzare le biblioteche mediche emiliano-romagnole, da molto tempo ai margini, tranne qualche isolato caso, dello sviluppo tecnologico, organizzativo e dei servizi che ha interessato tutte le biblioteche negli ultimi venti anni.

Le iniziative formative hanno significato per queste biblioteche un deciso salto di qualità nell'organizzazione delle attività e, in particolare, nelle performances dei servizi offerti all'utenza dei professionisti medico-sanitari. Hanno significato inoltre un cospicuo risparmio di risorse economiche per le aziende.

Inoltre la necessità di responsabilizzazione da parte delle aziende verso l'informazione scientifica e i relativi flussi, ha indotto le aziende che non avevano ancora realizzato dei servizi bibliotecari al proprio interno, ad occuparsi anche di questo problema. La risposta è stata trovata sviluppando soluzioni gestionali e organizzative economiche e qualitativamente valide attraverso convenzioni con le biblioteche delle aziende che invece avevano già sviluppato sistemi di controllo dei flussi informativi attraverso servizi bibliotecari efficienti.

La formazione approfondita e l'aggiornamento professionale sviluppati durante i numerosi corsi ha permesso infine la nascita di un nucleo di operatori specificamente istruiti per la ricerca bibliografica dell'informazione scientifica in rete e nelle banche dati specializzate acquisite dal Consorzio. Ciò ha costituito le fondamenta dei nuovi servizi di reference delle biblioteche aziendali, alcuni dei quali decisamente di eccellenza.

La struttura del Consorzio è stata costituita dal Coordinamento scientifico (Laura Cavazza) e dalla Segreteria (Marialaura Martinico, Elisabetta Bertusi e Ornella Russo).

Pubblicazioni

Approfondimenti e documenti

 

A chi rivolgersi

Coordinamento scientifico GOT dal 2000 al 2008:
Laura Cavazza
Tel. + 39 051 527 66 39
laura.cavazza@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/04/2012 — ultima modifica 05/04/2017

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali