La partecipanza agraria di Nonantola: mille anni di storia tra archeologia e ambiente

Gli studenti nonantolani hanno sperimentato i metodi di ricerca e osservazione di archeologi e naturalisti per conoscere da vicino un’istituzione antica, unica nel suo genere.

Tutti i musei del territorio sono stati coinvolti, per offrire ai ragazzi una panoramica più ampiaLa partecipazione agraria e approfondita sulla storia della città e far loro comprendere in quale cornice storica è nata e si è sviluppata questa istituzione così particolare.

L’iniziativa ha preso le mosse in un contesto in cui la “storia locale” negli istituti scolastici viene approfondita sempre più di rado. Si è deciso di puntare sulla storia di un’istituzione tanto radicata nella popolazione nonantolana perché ha permesso di approfondire ambiti molto diversi fra loro: dall’ambiente all’archeologia, alla coesione sociale.

L’intento di fondo era approfondire un particolare argomento di storia locale, affrontandolo sia dal punto di vista teorico che pratico. Dopo una fase di approfondimento storico, infatti, i ragazzi hanno avuto modo di fare esperienza sul campo grazie a una visita naturalistica nel bosco della Partecipanza e a uno scavo archeologico in cui si sono cimentati in prima persona nel lavoro dell’archeologo.

 

Quali attività sono state realizzate per portare a termine il progetto e dove si sono svolte?

Dopo un seminario di formazione riservato agli insegnanti e una lezione di metodologia archeologica a scuola, i ragazzi sono stati impegnati in alcune visite guidate ai tre musei e al borgo di Nonantola, in una visita naturalistica all’Area di riequilibrio ecologico del “Torrazzuolo” e in una giornata di scavo archeologico nel sito romano di via Oppio, localizzato nei terreni della Partecipanza.

 

Quali prodotti o iniziative sono stati realizzati, e come?

Il 31 maggio 2013 gli studenti hanno realizzato una visita guidata alla Partecipanza, elaborando un percorso storico-ambientale e archeologico.
Tutte le classi coinvolte nel progetto hanno preso parte alla redazione di un diario on line che racconta il percorso svolto durante l’anno scolastico.
Gli elaborati degli studenti sono stati realizzati in aula dopo aver partecipato alle varie fasi del percorso, con l’utilizzo del computer per mettere on line il diario.

 

Galleria immagini

Scuola: Istituto comprensivo “Fratelli Cervi” - Scuola secondaria di I grado “Dante Alighieri” di Nonantola (Modena)
Museo: Museo di Nonantola (Modena)
Altri partner: Partecipanza agraria di Nonantola; Museo benedettino nonantolano e diocesano di arte sacra; Centro di educazione alla sostenibilità; Soprintendenza per i beni archeologici dell’Emilia-Romagna; Università Ca’ Foscari di Venezia - Dipartimento di studi umanistici; Consorzio della Bonifica Burana
Classi coinvolte: 10 classi di scuola secondaria di I grado
Studenti coinvolti: 350 alunni 
Web: www.partecipanzanonantola.it; www.icnonantola.it
Email: archivio@comune.nonantola.mo.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/11/2014 — ultima modifica 23/06/2017

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali