Sotto il segno di Roma

Civiltà romana in Emilia-Romagna. Iniziative per conoscere i musei e il patrimonio archeologico regionale
a cura di Fiamma Lenzi


Scena pompeiana, braciereSi sono celebrati  i 2200 anni dalla fondazione di Bononia:  dal 23 al 25 settembre 2011 la città è divenuta teatro del progetto Archeopolis, una festa dell'archeologia voluta dal Museo Civico Archeologico e articolata su diverse iniziative di valorizzazione delle più antiche testimonianze della storia di Bologna.

Per l’occasione, grazie al fondamentale apporto dei musei archeologici - e non solo quelli - del sistema regionale, l’Istituto Beni Culturali ha promosso fra settembre e dicembre “Sotto il segno di Roma”, un programma di iniziative incentrate sull’eredità culturale della civiltà romana. Lo scopo era incentivare la conoscenza delle importanti realtà museali emiliano-romagnole e offrire a tutti l’opportunità di apprezzarne le collezioni e le attività, permettendo così ad ogni cittadino di entrare in contatto con il ricco patrimonio archeologico regionale.

Quasi sessanta musei disseminati nei grandi e nei piccoli centri, addentro le ridenti vallate appenniniche, come lungo l’antica via consolare, trafficata allora quanto oggi, e nella pianura antistante fino al corso del Po. Una vasta gamma di proposte sparse sul territorio e destinate ad un pubblico di varie età: aperture straordinarie e visite guidate, presentazioni e incontri con gli studiosi, mostre e laboratori, conferenze, dibattiti, percorsi e itinerari attendvano chi volesse esplorare il passato con gli occhi curiosi della contemporaneità.

Regio VIII Aemilia aspetta chi vuole conoscerla!

Il programma

Logo regio VIIIDa Piacenza a Rimini, oltre 100 iniziative, più di 50 visite guidate nei musei e nel territorio su temi che andavano dalla tavola ai costumi funerari, dalla quotidiantà delle comunità locali alla gestione delle aree cittadine e rurali, dalla casa alle testimonianze epigrafiche.  E  poi laboratori e momenti ludici per i bambini e le loro famiglie, dove la creatività e il gioco costituivano il mezzo per entrare "nel vivo della storia". Una ventina di conferenze che spaziavano su una vasta gamma di argomenti: dall'urbanistica, alla monetazione, dalle singole realtà archeologiche alle nuove scoperte. Senza dimenticare la presentazione di volumi e pubblicazioni didattiche dedicati a questo momento cruciale della storia regionale e le inaugurazioni di nuovi allestimenti museali.

Ma anche molto altro: il cibo rappresentava, ad esempio, uno dei tanti fil rouge trasversali. Ecco allora la visita accompagnata da assaggi o quella che si concludeva con un banchetto romano; potevano incuriosire l'apertura di un'anfora olearia o le degustazioni di vini doc; se il vino era oggetto di particolare interesse, ecco pronta un'intera giornata dedicata all'archeologia di questa bevanda e all'archeobotanica.

Si poteva continuare con uno spettacolo teatrale, oppure non perdersi neppure uno degli appuntamenti  di Archeopolis, e poi  decidere di presenziare al convegno in cui si parlava di volontariato archeologico.
Galla Placidia, particolare sottolunettaRivisitare il passato voleva anche dire  rievocarlo,  essere in prima persona sulla scena della storia  e constatatare con i propri occhi com'erano, cosa facevano, come si comportavano i  nostri predecessori: lo si è potuto fare assistendo all'ultima battaglia fra i Galli Boi e le truppe romane o penetrando in un accampamento militare trapiantato nella modernità di una piazza urbana, oppure ancora ripercorrendo il rituale di fondazione di un'antica città.
Neppure il momento della formazione e dell'aggiornamento è stato trascurato Due cantieri-scuola di restauro hanno offerto a studenti e specializzandi in archeologia l'opportunità di avvicinare  le tematiche e le metodologie della conservazione del patrimonio, mentre progetti didattici  dedicati  alle radici archeologiche dell'Unità  e all'idea dello stato tra federalismo e unità  offrivano,  in forma di corso di aggiornamento per gli insegnanti, l'opportunità di riflettere  sul cammino che ci ha portati all'Italia di oggi.

Sfogliare l'intero programma oppure scegliere il periodo e il tipo di proposta che interessa

Luogo per luogo, tutto quello che i musei proponevano

 

Giorno per giorno gli eventi previsti in regione

 

Aggiornamenti al programma

Le informazioni sugli aggiornamenti al programma, gli approfondimenti dedicati ai vari appuntamenti, le foto delle iniziative realizzate.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina