2 agosto 1980: per non dimenticare

Il 2 agosto 1980 è per il paese una delle innumerevoli date brucianti, un evento che la memoria difende e racconta. Bologna compone questo fardello creando anche eventi e situazioni per stimolare a capire i luttuosi eventi della storia più recente dell’Italia.

Nella ricorrenza della strage del 2 agosto, si propone all’attenzione di tutti coloro che avvertono il peso morale di quella tragedia un bel volume fotografico, realizzato dalle edizioni Camera Chiara “Bologna e gli anni delle stragi” e la mostra dedicata a questo racconto, scandito da poche parole ma da tante assordanti immagini.

Il catalogo raccoglie la lucida, pietosa, incalzante storia di scatti realizzati dai fotografi bolognesi, che si trovarono a inquadrare le troppe stragi che hanno coinvolto Bologna, a partire da quella sull’Italicus il 4 agosto del 1974.

A questa strage fecero seguito l’esplosione nel cielo di Ustica del volo partito dall’aereoporto Marconi e diretto a Palermo, il 27 giugno 1980; dello stesso orribile anno è il boato che ancora rimbomba, pure per chi non lo ha sentito, alla stazione ferroviaria il 2 agosto. 
L’estate detiene un triste primato in questi eventi efferati ai quali seguì quella ribattezzata la “strage di Natale” sul rapido 904 del 1984.

Copertina del volume Bologna e gli anni delle stragi (Archivio Camera Chiara foto Luciano Nadalini)Bologna e gli anni delle stragi a cura di Luciano Nadalini e Gilberto Veronesi, in quattrocento immagini intreccia l’immediato delle diverse stragi, avvenute tra il 1974 e il 1980, che hanno coinvolto la città di Bologna, con le espressioni di una fertile comunità sociale ed umana.

All’eloquenza degli scatti si aggiungono le riflessioni di coloro che sono tutt’ora impegnati a vario titolo nelle istituzioni pubbliche e nelle associazioni e quelle di alcuni giornalisti che riflettono sull’esperienza drammatica dei colleghi fotoreporter e proprie.

A Bologna dal 17 luglio al 20 agosto 2010 è allestita alla Sala d'Ercole di Palazzo d'Accursio la mostra Bologna e gli anni delle stragi.

La mostra, allestita alla Sala d'Ercole di Palazzo d'Accursio dal 17 luglio al 20 agosto 2010,   oltre a proporre l’assurdità cupa e lo strazio senza pace di quegli eventi, ha dedicato anche spazio al clima culturale e politico di quegli anni, raccontando la vitalità e l’impegno politico ed intellettuale che l'Emilia Romagna viveva in quei decenni. 

Le fotografie sono state raccolte dall'Unione Fotografi Organizzati (UFO) che ha promosso l'iniziativa e realizzato il primo libro di una nuova casa editrice Camera Chiara.

Galleria immagini

 

Filmati

 

I filmati che seguono sono immagine e lettura di tragedie che la società civile non deve dimenticare:

Bologna 2 agosto 1980. C’è una strage: perché.
di Tina Alboresi e Roberto Salani, 1980
Una troupe di Punto Radio TV arriva in stazione venti minuti dopo lo scoppio della bomba. Le crude immagini dei primi soccorsi, le interviste, i funerali in San Petronio ed in Piazza Maggiore. Una pagina di storia recente.

 

Tempo inverso. Bologna 2 agosto 1980/ New York 11 settembre 2001
di Filippo Porcelli
Il film è stato realizzato assieme a studenti italiani e americani all'interno del laboratorio "Nowhere" presso la Facoltà di Scienze della Formazione Università di Bologna

Italicus
realizzato da G.P Bernagozzi, P.L. Buganè, V. Zamboni; coordinamento P. Mingozzi, (1974).
La notte del 4 agosto 1974, una bomba esplose nella vettura 5 dell’espresso Roma-Brennero a San Benedetto Val di Sambro. La Regione Emilia-Romagna ha raccolto la testimonianza di quei giorni. 

 

Links:

 

 Allegati:

 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/05/18 14:29:36 GMT+2 ultima modifica 2013-05-08T17:11:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina