Quante storie nella Storia. Settimana della didattica in Archivio

Un appuntamento annuale per valorizzare e comunicare il patrimonio archivistico attraverso la divulgazione dell’attività didattica svolta con studenti ed adulti e mirate iniziative formative e promozionali.

Logo_quantestorie2010_CMYK.jpg

L’appuntamento annuale con "Quante storie nella Storia" rappresenta per gli enti che vi aderiscono un’occasione per la valorizzazione del proprio patrimonio archivistico, attraverso in primo luogo la divulgazione dell’attività didattica svolta, ma anche tramite l’organizzazione di mirate iniziative didattiche e promozionali: l’obiettivo è accrescere la consapevolezza dell'importanza dell'archivio come bene culturale e memoria storica collettiva.

Le attività proposte sono rivolte sia ad un pubblico adulto (associazioni culturali, gruppi di interesse, singoli cittadini), sia, soprattutto, ai giovani, con la presenza importante di collaborazioni con istituti scolastici di ogni ordine e grado.

Durante la "Settimana" si alternano così visite guidate e percorsi tematici che offrono un primo “assaggio” dell'archivio, conferenze e mostre documentarie che indagano specifici contesti storici, incontri con i docenti, presentazioni degli elaborati realizzati dagli studenti nel corso dell’anno scolastico che volge al termine. Letture animate, giochi di ruolo e interattivi, video e app, strumenti didattici web, trekking urbani e uscite sul territorio, flash mob illustrano gli esiti di articolati laboratori, in cui carte e documenti sono utilizzati per approfondire lo studio teorico della storia acquisendo uno specifico metodo di ricerca. Spesso sono frutto di più ampi progetti di educazione al patrimonio culturale condotti in collaborazione con altri istituti culturali e soggetti del territorio, cui si affiancano in questi ultimi anni le attività condotte nell’ambito delle convenzioni di alternanza scuola-lavoro.

L’IBC promuove dal 2003 la manifestazione al fine di favorire l'incontro tra archivi, scuola e territorio e di supportare gli enti nella loro attività di divulgazione alla cittadinanza del proprio patrimonio archivistico.

Quante storie nella Storia nasce nel 2002, quando il gruppo di lavoro sulla didattica dell'ANAI. Associazione nazionale archivistica italiana - Sezione Emilia Romagna, sostenuto dalla Soprintendenza archivistica per l'Emilia Romagna, lancia l’idea di mostrare ad un più vasto pubblico le iniziative di alcuni archivi pubblici realizzate in collaborazione con le scuole. Individuare una “Settimana” dedicata alla didattica in archivio e realizzarne un programma generale per rendere immediatamente evidente la ricchezza delle proposte, sembrò in quel momento lo strumento più efficace per stimolare enti, istituzioni e scuole a valorizzare il patrimonio documentario presente sul territorio.

Dal 2003 l'Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna è entrato a far parte degli enti promotori dell'iniziativa (che curerà fino al 2016 tramite la Soprintendenza per i beni librari e documentari), portando avanti un duplice impegno: da un lato favorire l'incontro tra istituti archivistici, scuola e territorio in un'ottica di educazione al patrimonio culturale, dall’altro supportare gli enti nella loro attività di divulgazione e comunicazione alla cittadinanza del proprio patrimonio archivistico.

La Settimana si è consolidata e sviluppata grazie al supporto e alla collaborazione degli archivi di Stato, coinvolti nell’organizzazione della manifestazione dal 2010, e, fino a quando hanno avuto competenza in materia, delle amministrazioni provinciali e del CEDOC Centro di documentazione della Provincia di Modena. Queste ultime in particolare hanno svolto un determinante ruolo di sensibilizzazione degli enti locali per un utilizzo a fini didattici del patrimonio documentario da essi conservato, e contribuito alla realizzazione e distribuzione del materiale promozionale.

Chi partecipa?

Nel corso degli anni la manifestazione ha visto decuplicarsi il numero degli enti aderenti rispetto alla prima edizione: si tratta prevalentemente di archivi storici comunali e archivi di Stato, ma anche biblioteche, musei, archivi di istituti culturali e di altri enti sia pubblici che privati (archivi ecclesiastici, Città metropolitana e Province, centri di documentazione, consorzi di bonifica, università, fondazioni culturali, conservatori di musica, deputazioni di storia patria, istituti storici della Resistenza, etc.).

Per aderire a "Quante storie nella Storia" occorre prendere contatto con i referenti del comitato scientifico-organizzativo della manifestazione.

Gli enti aderenti devono trasmettere i programmi delle proprie iniziative da inserire nel programma generale della manifestazione, compilando il presentemodulo

(istruzioni per la compilazione).

L’invio va effettuato entro il 31 gennaio all'indirizzo di posta elettronica manuela.cristoni@regione.emilia-romagna.it.

 

Seminari, convegni, presentazioni

Dal 2009, nell’ambito di "Quante storie nella Storia", l’IBC, direttamente o in collaborazione con gli altri enti promotori della manifestazione, organizza presentazioni di volumi, seminari e convegni.

Fino alla 15.a edizione tali iniziative sono state curate dalla Soprintendenza per i beni librari e documentari; a partire dal 1° maggio 2016, a seguito di riorganizzazione, in tale funzione è subentrato il Servizio Biblioteche, archivi, musei e beni culturali.

 

La 17a edizione

"Quante storie nella Storia. 17a Settimana della didattica in Archivio" si terrà dal 7 al 13 maggio 2018. Ad essa hanno aderito oltre 50 tra archivi ed istituti culturali distribuiti su tutto il territorio regionale.

Programma Quante storie nella Storia. 17a Settimana della didattica in Archivio

Il 17 maggio 2018 a Bologna, presso il Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l’economia sociale, il comitato scientifico-organizzativo della manifestazione organizza il seminario Didattica in archivio oggi: istruzioni per l’uso, promosso da ANAI Sezione Emilia Romagna e Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna. Una giornata rivolta ad archivisti, docenti e studenti, per sondare, a 9 anni dal convegno L’inchiostro simpatico, gli attuali scenari della didattica in archivio, offrendo spunti ed elementi per un'efficace ideazione, gestione e promozione dell'offerta didattica da parte degli istituti archivistici.

Le edizioni dal 2003: i programmi

 

 

A chi rivolgersi

Manuela Cristoni
Tel. 051 527 66 37
Manuela.Cristoni@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 28/06/2012 — ultima modifica 13/04/2018
< archiviato sotto: , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali