La Regione Emilia-Romagna fa qualcosa per la salvaguardia dei dialetti del proprio territorio?

Sì, ai primi di novembre del 1994 fu promulgata una legge regionale, la numero 45 del 1994, dal titolo “Tutela e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna”. Il legislatore desiderava affiancare all’esigenza della tutela sopra menzionata un’altra esigenza: quella di promuovere l’uso del vernacolo in quanto fondamento ed espressione della propria identità, non separabile dal territorio di origine, nonché di incentivare gli studi e le ricerche, sia quelli con risvolti eminentemente didattici nel contesto scolastico, sia quelli indirizzati alla comunità di specialisti (linguisti, dialettologi, storici). L'IBC è indicato dalla legge quale organo regionale deputato all’attuazione della legge citata.

Per approfondire:
Dialetti
La pagina contiene numerose informazioni sulle attività di tutela e valorizzazione svolte dal 1994 fino ad oggi;


Legge per la "Tutela e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna" (n. 45 del 7 novembre 1994)

Azioni sul documento
Pubblicato il 10/05/2013 — ultima modifica 10/05/2013

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali