Il Palazzo Bonasoni

Dimora storica di via Galliera 21, palazzo Bonasoni sorge sulle antiche case dei Caccianemici dall’Orso, importante famiglia cittadina ricordata nel toponimo della strada contigua.

Portale nel Palazzo BonasoniNel 1399 il blocco edilizio fu venduto ai Villanova, che nel secolo successivo aggiunsero un portico su via dell’Orso, chiuso nel 1454, con perizia di Aristotele Fioravanti, da Nicolò e Domenico Scardovi. Il nuovo muro, allineato alla torre del Duecento, arretrò lateralmente il cantiere sul fronte della strada, rendendo necessario l’acquisto di due case confinanti. Prendeva consistenza in questo modo il lotto già Caccianemici, adeguato al decoro dei palazzi del Cinquecento. Un periodo decisivo e di intenso fervore edilizio, nel quale si rifletteva la politica della legazione.

È in questo secolo che si consolidano le fortune delle grandi famiglie bolognesi grazie all’investimento dei capitali accumulati con la mercatura, l’attività bancaria, l’industria tessile e lo studio. Dalla nobiltà di toga proveniva Galeazzo Bonasoni, che alla metà del XVI secolo acquistava l’edificio dai Dina.

Originari di San Giovanni in Persiceto e di Castel d’Argile, ma con un ramo a Carpi, i Bonasoni conseguirono la cittadinanza nel 1472, distinguendosi con Giovanni di Antonio, docente di diritto canonico all’università, e con i figli. Soprattutto Galeazzo, insignito nel 1544 da Carlo V del titolo di cavaliere e conte palatino. Il testamento, del 1556, menziona sia l’acquisto che i lavori per il “palazzo ornato” di via Galliera, riferiti dalla critica all’autore dell’Archiginnasio, Antonio Morandi detto il Terribilia, per affinità con il prospetto di palazzo Orsi, eseguito nel 1560.

Cortile di palazzo BonasoniQualche irregolarità si legge nell’asimmetria del portico sopraelevato, riconducibile a preesistenze quattrocentesche. Una particolarità diffusa, nei palazzi di Bologna, dove si usava “mettere in moderno” le facciate salvaguardando le strutture più antiche nel rispetto dei colonnati. “Ristoramenti di cose vecchie”, come osservava Serlio, sembrano infatti i collarini a metà fusto delle colonne Bonasoni, simili a quelle, quattrocentesche, del Baraccano. Al portico, risalente al cantiere Scardovi o a quello Dina, si sarebbero poi sovrapposte le decorazioni dei capitelli, ispirati ai disegni romani dell’Aspertini (Santucci) e considerati tra gli esempi più pregevoli nel repertorio della scultura urbana bolognese.

Al piano nobile del palazzo la decorazione testimonia i numerosi passaggi di proprietà.

Dal 1609 al 1615 i Tanari; fino al 1704 i Ranuzzi, committenti di una prospettiva del Mitelli, perduta, di fronte alla loggia d’ingresso; quindi i Volta (1739), confluiti nei Grati, per i quali Bigari dipinse un’alcova “con puttini”, ora non più esistente ma ricordata da Oretti.

Nel 1804 subentrò il marchese Francesco Scarani, quindi la famiglia Zucchini e i Bevilacqua; dal 1931 gli Zerbini, i Pellegrini-Quarantotti e infine i Gamberini. Al cantiere Bonasoni risaliva un affresco con la Guerra di Troia, successivo di poco alla metà del XVI secolo, e attualmente controsoffittato. Del ciclo, ricondotto da Oretti, contraddittoriamente, sia a Giovanni Francesco Bezzi detto il Nosadella che a Pellegrino Tibaldi, sopravvive un fregio scialbato e di difficile lettura, dove si scorgono allegorie e paesaggi eseguiti, forse, dall’équipe al seguito delle maestranze principali e riconducibili più in generale alla cultura di Niccolò dell’Abate.

Affreschi della Sala della MusicaQuella stessa civiltà figurativa mediata da Giulio Bonasone quando incideva le Symbolicae quaestiones per Achille Bocchi (1555), repertorio alchemico di aquile, chimere, delfini, mascheroni, scolpiti sui portali in pietra del palazzo e comunque veicolati dalla civiltà delle grottesche. Perché non pensare, nell’impossibilità di un confronto con le pitture della volta coperta, a un intervento di questo stesso pittore? Meno problematico il riconoscimento dei soffitti delle sale ottocentesche (committenti i marchesi Scarani?), dove le Muse, inquadrate insieme ai Putti da ornamentazioni neorocaille, si attribuiscono in questa sede a Girolamo Dalpane, autore degli affreschi nei palazzi Spada (1846) e Malvezzi dè Medici (1854).

La Venere in marmo adagiata in una nicchia aperta sul cortile: l'opera troverebbe riferimenti stilistici nell'ambito di Cincinnato Baruzzi e più precisamente nel suo allievo Carlo Monari, a cui la scultura è attribuibile da Claudia Collina, e si daterebbe all'ottavo decennio dell'Ottocento, come inducono a ritenere stilemi classicisti volti a una definizione in senso verista, colta soprattutto nei dettagli.

Galleria di immagini

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 19/06/2012 — ultima modifica 27/07/2012

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali