Tutela beni librari

Beni librari: le funzioni di tutela tornano in capo allo Stato

 

Per effetto della legge 6 agosto 2015, n. 125, "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali", le funzioni di tutela previste dal Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.lgs 42/2004) che riguardano i beni librari, non sono più esercitate dalle regioni ma dallo Stato mediante il Ministero per i Beni e le Attività culturali e il Turismo.

Tali funzioni riguardano:

  • Il prestito per mostre ed esposizioni
  • Il restauro e gli altri interventi conservativi
  • Lo spostamento e gli altri interventi soggetti ad autorizzazione
  • La dichiarazione dell’interesse culturale
  • La verifica dell’interesse culturale
  • Lo scarto di materiale bibliografico
  • L’uscita temporanea o definitiva dal territorio dello Stato
  • L’ingresso temporaneo o definitivo nel territorio nazionale
  • La vendita e le altre forme di alienazione, la prelazione
  • L’acquisto coattivo
  • Il commercio


Rimane in capo alle regioni l'istituto del deposito legale dei documenti d'interesse culturale destinati ad uso pubblico, regolato da una disciplina specifica. Per effetto di questa normativa, esemplari di tutti i libri e documenti in altri formati (dvd, manifesti, grafica...) che sono pubblicati sul territorio regionale, devono essere depositati in alcuni istituto di conservazione specificamente individuati a livello regionale e nazionale; nel complesso i documenti così raccolti costituiscono rispettivamente l'archivio della produzione editoriale regionale e nazionale.

A seguito dell'introduzione della disciplina sul deposito legale dei documenti e del relativo regolamento, sono stati individuati gli istituti destinatari dell’archivio regionale della produzione editoriale. La Soprintendenza per i beni librari e documentari svolge un’attività di sostegno ai vari istituti depositari affinché la normativa possa trovare una corretta applicazione.

Approfondimenti

Deposito legale dei documenti d'interesse culturale destinati ad uso pubblico

Link

Comando Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale

A chi rivolgersi:

Servizio biblioteche, archivi, musei e beni culturali
bam@regione.emilia-romagna.it
Tel. +39 051 527 6635
 
Alberto Calciolari
Tel. +39 051 527 6682
Alberto.Calciolari@regione.emilia-romagna.it



Contenuti correlati
Beni Librari e Documentari
Azioni sul documento
Pubblicato il 22/02/2012 — ultima modifica 06/07/2016

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali