Teatri storici in Emilia-Romagna

Pregevoli beni culturali, sono stati oggetto di uno dei primi e più significativi censimenti condotti dall’Ibc fin dagli inizi degli anni Ottanta.

L’indagine condotta su tutto il territorio regionale produsse una notevole mole di dati e diede conto di un consistente patrimonio, straordinario seppure già provato dall’incuria, dal disinteresse e dagli eventi bellici. Il patrimonio portato a pubblica conoscenza sia degli amministratori che dei cittadini invitava implicitamente a soffermarsi con maggiore attenzione sul patrimonio indagato e a promuoverne la salvaguardia secondo corrette linee d’intervento.

A distanza di quindici anni, a metà degli anni ’90, si è proceduto nell’aggiornamento di questo censimento in particolare per dare rilievo all’impegno e alla volontà di quelle amministrazioni locali che si sono adoperati per il recupero di buona parte di quelle sale che necessitavano di restauro o per la messa a norma degli impianti così come richiesto la normativa sulla sicurezza nei luoghi di pubblico spettacolo.

La particolare sensibilità dimostrata dalle amministrazioni locali verso questo ingente patrimonio, nonché la necessità di procedere all’adeguamento alle norme di sicurezza, hanno fatto sì che nella nostra regione dall’epoca del primo censimento, e successivamente da quello del 1995, un gran numero di teatri siano stati sottoposti a restauro e ad interventi conservativi, in alcuni casi globali, in altri parziali, strutturali o di messa a norma.Teatro Ebe Stignani, Imola. Foto di R. Vlahov

Questa impegnativa opera di recupero, grazie al sostegno della Regione Emilia-Romagna, viene tuttora portata tenacemente avanti con il restauro di numerosi spazi teatrali. La complessità e la varietà degli interventi, la diversificazione delle tecniche e delle soluzioni adottate, l’impegno degli enti proprietari particolarmente attenti al recupero e alla restituzione alle funzioni originarie di tali edifici hanno costituito le linee guida dell’indagine condotta dall’Ibc nel 1995.

Le campagne fotografiche effettuate nei primi anni '80 e nel 1994-1995 sono state realizzate da Riccardo Vlahov. La campagna prosegue con le foto di Andrea Scardova.

  

La banca-dati sui Teatri storici

 

Tutte le informazioni rilevate nell'ambito del censimento, sono reperibili all'interno della banca dati che comprende 101 schede relative ai singoli teatri presenti sul territorio regionale.
Le schede raccontano la storia dei vari edifici teatrali sia a parole, con descrizioni approfondite, sia con ricchissimo apparato iconografico (esterni,sala teatrale, palcoscenico, elementi decorativi) realizzato in varie campagne fotografiche iniziate negli anni 80 e proseguite fino a oggi.

 

 

 

Iniziative 

I luoghi del "Bel Canto". Incontri nei teatri storici dell'Emilia-Romagna, 27 e 28 ottobre 2012

Locandina 

Invito

 

I luoghi del "Bel Canto". Incontri nei teatri storici dell'Emilia-Romagna, 13 e 14 aprile 2013

Locandina

Programma

 

Approfondimenti


 

 

Pubblicazioni

Le stagioni del teatro: le sedi storiche dello spettacolo in Emilia Romagna a cura di Lidia Bortolotti; scritti di Paola Bignami ... [et al.]; fotografie di Riccardo Vlahov;premessa: Felicia Bottino, Ezio Raimondi]. - Casalecchio di Reno: Grafis, [1995]. - 262 p.: ill.; 30 cm (catalogo della mostra tenuta a Ferrara nel 1995)

Teatri storici: dal restauro allo spettacolo, a cura di Lidia Bortolotti e Luisa Masetti Bitelli, Fiesole 1997, p. 153.

Lidia Bortolotti, Teatri storici? È di scena il restauro, A sette anni dall'ultimo censimento sui teatri storici dell'Emilia-Romagna, condotto dall'IBC, facciamo il punto sulle strutture che nel frattempo sono state completamente recuperate e su quelle in cui i restauri sono ancora in corso, in "rivista IBC", X, 2002, 3

Lidia Bortolotti, Musica, maestro!, A Castel San Giovanni, nel Piacentino, la Sala della Musica di Villa Braghieri ritorna alla vita dopo il restauro delle decorazioni, degli stucchi e degli arredi, in rivista IBC, XVII, 2009, 2

Lidia Bortolotti, Su il sipario!, A Bologna, nel piccolo teatro settecentesco di Villa Aldrovandi Mazzacorati, il mondo dello spettacolo regionale cerca una strada per uscire dalla crisi. Guardando alla storia e all'Europa, in rivista IBC, XVII, 2009, 4

 

 

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 04/06/2012 — ultima modifica 20/09/2017

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali