Patrimoni delle ex Ipab e delle Aziende sanitarie e ospedaliere

Beni architettonici, storico-artistici e scientifici afferenti alle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza e alle Aziende Sanitarie Locali e Ospedaliere

ricciCensimenti, studi, interventi di catalogazione e di restauro, mostre e pubblicazioni sono stati dedicati a due grandi ambiti del territorio emiliano-romagnolo: quello dei beni afferenti alle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza (le ex Ipab chiamate anche Opere Pie), negli anni Ottanta del Novecento, e quello delle Aziende Sanitarie Locali e Ospedaliere (proprietarie dal 1996 del patrimonio un tempo appartenuto agli enti ospedalieri disciolti), a partire dalla seconda metà degli anni Novanta e tuttora in corso.

Questi patrimoni sono generalmente a rischio perché poco conosciuti e perché appartenenti a enti operanti in altri ambiti e con priorità istituzionali diverse. Particolarmente importante in interventi come questi è la stretta collaborazione tra le Istituzioni che a diverso titolo hanno competenze riguardanti i beni: la Regione e l’IBC, le istituzioni e aziende proprietarie, le Soprintendenze, gli Enti locali.

Il lavoro dedicato ai patrimoni ex Ipab è documentato nei cataloghi delle mostre a esso dedicate e in altre pubblicazioni (link). Questa documentazione rappresenta un punto di riferimento anche alla luce delle ulteriori trasformazioni che hanno riguardato di recente la natura di questi enti.

Il progetto regionale sui patrimoni delle Aziende sanitarie e ospedaliere, realizzato con l’Assessorato regionale alle Politiche per la Salute, si è articolato in varie fasi e ha avuto i suoi momenti di maggiore visibilità pubblica con le mostre “Non solo pietà. Opere d’arte dagli ospedali della provincia di Ravenna”, “Settecento riformatore a Faenza. Antefatti del neoclassicismo e il patrimonio d’arte dell’ospedale”, “Le Arti della salute. Il patrimonio culturale e scientifico della sanità pubblica in Emilia-Romagna” e il seminario “I patrimoni culturali delle Aziende sanitarie in Emilia-Romagna. Conoscenza e valorizzazione.”

 

Per approfondire:

 

 

Le Arti della Salute. Il patrimonio culturale e scientifico della sanità pubblica in Emilia-Romagna

Video: Le Arti della Salute Il patrimonio culturale e scientifico della sanità pubblica in Emilia-Romagna / di Micaela Guarino; regia e montaggio di Michele Marchi, riprese video della mostra "Le Arti della Salute" Riccardo Vlahov; voce narrante Isabella Fabbri. Bologna, IBC , 2011 - 1 DVD VIDEO (18 min.) - scheda del video

 

A chi rivolgersi

Servizio biblioteche, archivi, musei e beni culturali
bam@regione.emilia-romagna.it
051 527 66 31 - Fax: 051 232 599

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/07/2012 — ultima modifica 06/07/2016

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali