Il Museo Archeologico Ambientale ad Anzola dell'Emilia

L'Associazione intercomunale TerreD’Acqua con i Comuni affiliati (S. Giovanni in Persiceto, Sant'Agata Bolognese, Anzola Emilia, Calderara di Reno, Crevalcore, Sala Bolognese) e l’Istituto Beni Culturali sono impegnati da tempo nella creazione una rete museale che mette a fuoco i temi dell’insediamento antico e delle sue interconnessioni con il paesaggio e gli habitat del passato, entro il vasto comprensorio racchiuso fra Samoggia e Panaro
Anzola dell'Emilia, Museo Archeologico Ambientale, testa di spillone in ossoIn questo distretto territoriale, durante l'età del Bronzo, sono fiorite importanti  realtà abitative responsabili  dei primi grandiosi processi di  trasformazione antropica degli ecosistemi originari e di messa a sistema del territorio. È dunque, in un certo senso, condizione imprescindibile che il costruendo "museo diffuso", rappresentazione viva e veritiera delle comunità che oggi si raccolgono e si identificano in TerreD’Acqua, abbia dato vita ad Anzola dell’Emilia al terzo dei suoi poli espositivi, dopo quelli di S. Giovanni in Persiceto e di Sant’Agata Bolognese, impostandone la chiave di lettura  proprio su un momento cruciale della storia emiliano-romagnola.
Anzola dell'Emilia, Museo Archeologico Ambientale, campionatura di vasellame d'impastoDal punto di vista topografico, il territorio anzolese è  inserito  infatti sin da epoche remotissime in un distretto di forte interesse antropico e insediamentale. La sua principale evidenza - la Terramara sorta sulle sponde della Ghironda - ne testimonia la stabile adesione al modello di popolamento fra i più  rilevanti dell’antica demografia regionale, esemplificando con la sua cultura materiale il grado di sviluppo sociale e economico e le capacità di dominio sull'ambiente a cui era pervenuta la civiltà terramaricola. A questa scoperta e alle indagini archeologiche ivi condotte è quindi dedicato il nuovo polo museale che - come quelli già realizzati - si è avvalso dei contributi della LR. 18/2000 e del sostegno tecnico-scientifico dell'IBC
Anzola dell'Emilia, Museo Archeologico Ambientale, tazza con ansa sopraelevataIn occasione dell'apertura del nuovo polo museale stata approntata una guida all'esposizione, promossa dall'IBC e realizzata con il supporto tecnico dal Centro Stampa della Regione Emilia-Romagna,  alla quale è affidato il compito non solo di introdurre il visitatore alla conoscenza di un villaggio dell'età del Bronzo, con  le manifestazioni materiali, le attività economiche, le opere di artigianato, i cicli produttivi che ne caratterizzarono la quotidianità,  ma anche di aprire finestre informative sulle vicende geomorfologiche del territorio, sul paesaggio vegetale, sull'assetto faunistico dell'epoca, dimostrando come  lo studio di questi aspetti  sia di fondamentale importanza per collocare nella spazio, nel tempo e nel quadro culturale d'insieme ogni realtà appartenente al  nostro comune passato.
Anzola dell'Emilia, Museo Archeologico Ambientale, lesina in osso

Quando e Chi

Inaugurazione 17 dicembre 2011. Sono intervenuti Loris Ropa, Sindaco del Comune di Anzola dell'Emilia; Giulio Santagada, Assessore alla Cultura - Comune di Anzola Emilia; Filippo Maria Gambari, Soprintendente Archeologo dell'Emilia Romagna; Paola Desantis, Soprintendenza Archeologica dell'Emilia-Romagna; Alessandro Zucchini, Direttore Istituto Beni Culturali; Fiamma Lenzi, IBC - Servizio Musei e Beni Culturali; Giuliano Barigazzi, Assessore alla Cultura - Provincia di Bologna, Rita Guazzaloca, Dirigente Istituto Comprensivo De Amicis - Anzola Emilia, Silvia Marvelli, Direttore Museo Archeologico e Ambientale
Azioni sul documento
Pubblicato il 23/07/2012 — ultima modifica 14/01/2019
< archiviato sotto: , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali