Mostre

Sono state organizzate due mostre: Saluti dal glaciale; Obiettivo Castelli in Emilia-Romagna

Saluti dal Glaciale

Foto di Riccardo Vlahov (608.8 KB)La mostra prende lo spunto dal ritrovamento di resti fossili rinvenuti nel corso di scavi in località Settepolesini, nei pressi di Bondeno (Fe).

Sulla base di resti fossili rinvenuti "casualmente", avremo la possibilità di vederci  "restituiti" – in una ricostruzione a grandezza naturale, il mitico Mammut, il Bisonte delle steppe, il Rinoceronte lanoso, l’Alce e il Megacero, un cervo quest’ultimo le cui eccezionali dimensioni possono essere facilmente intuite  dall’ampiezza di oltre tre metri del palco.

Per la prima volta in Italia sarà infatti documentata una biocenosi fossile, del tipo detto steppa-taiga a mammut, sconosciuta sinora in aree così meridionali dell’Europa. Alla conferma dell’arrivo da est in Pianura padana dei pachidermi artici, durante il Würmiano medio, e alla presentazione di un’associazione faunistica unica per l’ambiente di pianura dell’Alto Adriatico allora in emersione, si accompagna la presentazione del ritrovamento più recente in Italia del Megacero, Megaloceros giganteus, che testimonia la sua sopravvivenza nell’area padana sino a circa 25 mila anni fa.

Il contributo scientifico degli oltre 400 reperti costituiti dai fossili di macrovertebrati di Settepolesini di Bondeno, consente dunque  nuove ricostruzione paleoecologiche del Quaternario, rendendo questo giacimento unico in Italia e di rilevante importanza internazionale. Rispetto all’usuale ritrovamento di singoli reperti, l’alta concentrazione di resti Foto di Riccardo Vlahov (748.46 KB) fossili offre infatti un valore aggiunto a questo ambiente.  Tale particolare situazione si deve forse alla presenza in zona di un elemento strutturale, la Dorsale Ferrarese, a cui potrebbe essere imputato l’aver favorito la formazione di ambienti di stanca della corrente e, di conseguenza, l’accumulo delle carcasse di  animali.

Queste testimonianze ci permettono di ricostruire gli esemplari più grandi, riportandoci così  ad un tempo scandito dal ghiaccio e dalla formazione di alcuni miti della nostra cultura primigenia. In una appendice della mostra dedicata al glaciale il Mammut ci accompagnerà  illustrandoci l’evoluzione dei Proboscidati e rendendo in tal modo la loro presenza nella nostra pianura meno oscura.

 

Obiettivo Castelli in Emilia-Romagna. Immagini fotografiche per la tutele e la valorizzazione

Foto di Riccardo VlahovLa mostra ripercorre le tappe fondamentali del processo di conoscenza e di tutela avviato alla fine dell'Ottocento in Emilia e Romagna e cresciuto nel secolo scorso.

In questa iniziativa verranno esposte alcune fra le fotografie realizzate da Alessandro Cassarini alla fine del XIX secolo ed aventi come soggetto i castelli della nostra regione. Tale fondo, reperito fra la documentazione storica della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio dell’Emilia, assume un particolare significato culturale e testimoniale in quanto organicamente collegato ai primi esperimenti di elencazione e tutela di beni architettonici che furono sostenuti dallo storico dell’arte Corrado Ricci. L’esposizione affronterà l’insieme territoriale della regione per le singole province evidenziando le diverse attività culturali e  di promozione e valorizzazione del patrimonio castellano.La mostra illustrerà in cinque nuclei principali  aspetti diversi delle ricerche in atto e dei materiali attualmente disponibili. I nuclei racchiuderanno un’area di circa 100 metri quadrati configurando un corpo centrale che richiama la forma di un castello con le torri angolari e quattro angoli che racchiudono lo spazio illustrando temi diversi. Il Progetto regionale di schedatura dei castelli medievali e neomedievali presentato nell'ambito della Mostra sui Castelli, il progetto in corso di realizzazione coinvolge oltre all'IBC, l'Università, la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio dell'Emilia e l'Istituto Italiano dei Castelli. La ricerca in atto intende effettuare un inventario sistematico dei castelli a partire dalla rilettura critica delle fonti bibliografiche, che attraverso le più attuali tecnologie, si relaziona con le metodologie catalografiche funzionali alle attività di tutela e valorizzazione. Allegando cartografie storiche e documentazione iconografica, il progetto intende giungere alla costruzione di una banca dati georeferenziata.

 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/08/09 15:50:00 GMT+2 ultima modifica 2013-05-08T17:19:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina