Mostra

Monumenti in guerra 1943-1945. Gli alleati e i danni al patrimonio culturale in Emilia-Romagna, mostra a cura di Paola Monari, Vito Paticchia, Sergio Venturi, in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici dell'Emilia .
Monumenti di guerraDa tempo l'Istituto Beni Culturali ha avviato una ricerca presso il National Archives di Washington finalizzata all'acquisizione di fotografie e documenti riguardanti la presenza alleata in Emilia-Romagna negli anni 1944-1945. Military Government, Sottocommissione Monuments, Fine Arts & Archives, finalizzata a verificare i danni subiti dal patrimonio storico-artistico e documentario per cause belliche e proteggerlo da ulteriori devastazioni e saccheggi.

Da tempo l'Istituto Beni Culturali ha avviato una ricerca presso il Recentemente sono stati reperiti dei fascicoli che testimoniano l'attività degli ufficiali dell'Allied .

Visitando i capoluoghi di provincia e numerosi centri inseriti in una speciale lista di monumenti da salvaguardare, questi ufficiali, spesso in compagnia dei soprintendenti regionali Barbacci, Quintavalle e Gnudi, tracciano inconsapevolmente interessanti itinerari storico-artistici regionali. Parma, teatro Farnese dopo il bombardamento (jpg, 339.54 KB)

Le loro annotazioni, le loro impressioni, i loro giudizi, testimoniano del particolare approccio con il quale esperti inglesi e americani, per lo più funzionari di prestigiose Istituzioni nei Paesi d'origine, vivono in diretta le perdite irreparabili al patrimonio regionale percepito come patrimonio universale da proteggere.

Parma, teatro Farnese dopo il restauro (jpg, 284.82 KB)La mostra, mediante immagini fotografiche e pannelli didascalici, presenta punti di contatto con i temi del convegno, ovvero il rapporto tra emergenza e necessità di un corretto ripristino architettonico.

 

 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/09/14 08:45:00 GMT+2 ultima modifica 2012-09-14T10:45:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina