Giuseppe Tampieri (1918 – 2014). dipinti, sculture, disegni: una donazione per Lugo

Alle Pescherie della Rocca Estense una ‘piccola antologia’ dell’arte del maestro d’origine lughese. Dal 17 marzo all'8 aprile

Dettagli dell'evento

Quando

dal 17/03/2018 alle 16:30
al 08/04/2018 alle 00:00

Dove

Lugo, Pescherie della Rocca Estense, Piazza Garibaldi - Largo del Tricolore, 1

Aggiungi l'evento al calendario

Sabato 17 marzo 2018, alle ore 16,30, presso le Pescherie della Rocca Estense di Lugo (Piazza Garibaldi - Largo del Tricolore, 1) verrà inaugurata la mostra Donazione Giuseppe Tampieri a Lugo comprendente le opere del maestro recentemente destinate dalla figlia Barbara alla comunità locale.

Invito

Si tratta di dipinti, sculture, disegni dagli anni ’50 all’ultima fase di lavoro dell’artista nativo di Lugo, di cui quest’anno ricorre il centenario della nascita. L’esposizione si presenta, dunque, come una ‘piccola antologia’ degli aspetti essenziali dell’arte di Tampieri, qui ricordato anche per i suoi esordi come scultore grazie alla presenza di esemplari di recente donati alla Pinacoteca Comunale di Faenza.
Come osservano i curatori della mostra Orlando Piraccini e Daniele Serafini nella presentazione del catalogo «Giuseppe Tampieri è cresciuto e si è artisticamente formato a Faenza, e dunque non è stato direttamente coinvolto nel fervido clima figurativo che in diversi momenti ha interessato la sua città natale nel corso del secolo appena passato. Rimane viva, tuttavia, la memoria di taluni incontri dell’artista con il pubblico lughese, come in occasione delle esposizioni personali allestite all’Auditorium nel 1963 e alla Galleria ‘La Bottega’ nel 1973 e 1977».

Al termine della mostra, Alcune delle opere pittoriche esposte alle Pescherie saranno poi visibili in permanenza nella manica lunga dell’ex convento del Carmine.

Nato a Lugo il 9 marzo 1918, fin dalla prima infanzia trascorsa a Faenza, Giuseppe Tampieri rivela spiccate attitudini creative e frequenta la Scuola di Disegno "Tommaso Minardi" sotto la guida di Roberto Sella e di Francesco Nonni. Espone per la prima volta nel 1936 alla Mostra Sindacale di Ravenna. Nel 1937 si trasferisce a Firenze, dove compie gli studi artistici, conseguendo l’abilitazione all’insegnamento. Nel 1941 torna a Faenza, dove organizza eventi culturali e partecipa attivamente al recupero di opere d’arte danneggiate dai bombardamenti. Opera inizialmente in campo plastico, partecipando alle più importanti rassegne artistiche nazionali, comprese la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. Dal 1950 al 1982 risiede a Genova, compiendo frequenti viaggi in Spagna e in altre regioni mediterranee, che divengono fonti d’ispirazione per la sua pittura di paesaggio. Svolge intensa attività in numerose città italiane, nonché a Barcellona, Amburgo ed altre località europee. Vanta una ricca ‘fortuna critica’: tra gli altri, testi e citazioni di M. Azzolini, L. Borgese, R. De Grada, M. De Micheli, M. Lepore, L. Servolini, M. Valsecchi, O. Vergani, D. Villani. E’ da ricordare anche l’attività del maestro come illustratore e scrittore d’arte. Tra le ultime apparizioni pubbliche (autunno 2008) si segnala la mostra “Mangiari dipinti - Omaggio a Pellegrino Artusi”, curata da Orlando Piraccini nella Chiesa dei Servi a Forlimpopoli con una deliziosa serie di nature morte eseguite nell’ultimo periodo di lavoro. Giuseppe Tampieri scompare a Faenza il 17 giugno 2014.

La mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Lugo con il patrocinio dell’Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna resterà aperta al pubblico dal 17 marzo all’ 8 aprile 2018.
Orari di visita:
Giovedì - venerdì 15:30 - 18:30 / sabato e domenica 10 - 1 2 / 15:30 - 18:30.

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/03/2018 — ultima modifica 13/03/2018
< archiviato sotto: , , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali