A Ravenna la mostra "Annibale Luigi Bergamini. L'incanto e l'invisibile: Un pittore visionario"

A palazzo Rasponi 40 dipinti e una serie di disegni delineano un ritratto particolarmente incisivo dell'artista

Dettagli dell'evento

Quando

dal 07/12/2018 alle 17:30
al 13/01/2019 alle 00:00

Dove

Ravenna, palazzo Rasponi

Aggiungi l'evento al calendario

A Ravenna, a palazzo Rasponi, un'occasione unica per approfondire la conoscenza di un artista non ancora sufficientemente indagato e pienamente valorizzato, ma dalla personalità certamente singolare con la sua vivacità inventiva, l'estrosa immaginazione e l'inconfondibile timbro  del suo linguaggio espressivo.

INVITO

Nato a Mezzano di Ravenna nel 1921, amico d'infanzia del pittore Giulio Ruffini, Bergamini ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Ravenna distinguendosi per la sua sensibilità e il non comune estro creativo, mostrando fin da subito viva predilezione per la pittura sacra.  Dopo alcuni anni di fertile attività pittorica ma anche di profonde difficoltà esistenziali, nel 1948 è stato ricoverato in clinica psichiatrica a Imola. Verrà dimesso soltanto nel 1975, a seguito di un progetto sperimentale che anticipava l'entrata in vigore della legge 180. Nei trent'anni di ricovero Bergamini ha dipinto con assiduità, specialmente nell'ultimo periodo quando all'interno della clinica psichiatrica gli venne allestito un atelier. Dal 1975 è stato ospite della comunità aperta la "Celletta" a Maiano nei pressi di Fusignano, dove ha continuato freneticamente a dipingere e nel '78 ha iniziato a decorare l'abside della chiesa parrocchiale. E' morto nel 1992, ormai logorato nel fisico e per i danni subiti durante una brutale aggressione.
Nell'allestimento  della mostra di Palazzo Rasponi,  curata da Orlando Piraccini e Paolo Trioschi, figurano circa 40 dipinti ed una serie di disegni con molti inediti; opere  che delineano un ritratto particolarmente incisivo del loro autore, affascinato ed ispirato dai capolavori della tradizione pittorica italiana  ma  rapito da inattese  luci, da colori e simboli  propri di  una sfera visionaria ed immaginativa.

L'iniziativa, promossa dal Comune di Ravenna/Assessorato alla Cultura  con il patrocinio di IBC della Regione Emilia-Romagna e in collaborazione con  Lions Ravenna Host, è inserita nel progetto “Novecento rivelato” dedicato alla riscoperta di significativi artisti del territorio ravennate.

Fino al 13 gennaio 2019. Orari di visita al pubblico,  feriali: 15-18. Sabato, domenica e festivi: 11-18. Chiusura ogni lunedì, 8 ,  25 dicembre e 1 gennaio. ingresso libero.

Azioni sul documento
Pubblicato il 05/12/2018 — ultima modifica 05/12/2018
< archiviato sotto: , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali