A Forlì la mostra "Auto/Ritratti dal Novecento Forlivese"

A palazzo Romagnoli le opere di artisti forlivesi, tra i quali esponenti del rinomato ‘Cenacolo’ d’inizio ‘900, che hanno rappresentato se stessi o che sono stati ritratti da altri pittori e scultori

Dettagli dell'evento

Quando

dal 16/12/2017 alle 00:00
al 17/06/2018 alle 00:00

Dove

Forlì, Palazzo Romagnoli, Via Albicini 12

Persona di riferimento

Recapito telefonico per contatti

0543 712627

Aggiungi l'evento al calendario

Prosegue la serie delle mostre temporanee a Palazzo Romagnoli (Forlì, Via Albicini 12), con l’obiettivo di far conoscere al pubblico opere novecentesche della Pinacoteca Civica attualmente conservate nei depositi o collocate in altri edifici pubblici cittadini. 

Fino al 17 giugno è possibile visitare la mostra “Auto/Ritratti dal Novecento Forlivese”, promossa dal Comune di Forlì e curata da Orlando Piraccini e  Flora Fiorini.
Alle ultime ‘monografiche’ dedicate a Giovanni Marchini e a Carmen Silvestroni, fa ora seguito una curiosa rassegna tematica comprendente opere di noti artisti forlivesi, tra i quali esponenti del rinomato ‘Cenacolo’ d’inizio ‘900, che hanno rappresentato se stessi o che sono stati ritratti da altri pittori e scultori.
Quattordici sono le opere oltre ad esemplari già presenti nelle prime due sale del percorso espositivo denominato “Grande Romagna”, come nel caso degli Autoritratti di Pietro Angelini e di Giovanni Marchini, a suo volta raffigurato in bronzo nel 1920 da Bernardino Boifava.
Si va da un curioso busto in terracotta policroma del celebre scultore palermitano Ettore Ximenes con il ritratto del talentuoso pittore d’origine forlivese Francesco Vinea, al non meno attraente Autoritratto nello studio del forlimpopolese Sante Malmesi, risalente anch’esso all’ultimo scorcio del secolo diciannovesimo.
Dei cenacolisti forlivesi figura in mostra, oltre ai ritratti a se stessi eseguiti da Angelini nel 1919 e da Carlo Stanghellini nel 1923, un busto col volto della pittrice Gianna Nardi Spada in gesso plasmato e patinato da Boifava nel 1938, insieme con un altro ritratto dell’artista eseguito ad olio da Maceo Casadei.
Di Maceo, appartenente anch’egli al ‘cenacolo’ all’esordio della propria carriera artistica, si possono inoltre ammirare un Ritratto di Carlo Stanghellini del 1924 ed un Autoritratto del 1964.
Il volto del migliore allievo di Maceo, Gino Mandolesi (1915-1955) è invece raffigurato in un delicato disegno acquarellato dall’artista in età giovanile.
A se stessi intitolati sono poi i ritratti di altri ottimi pittori d’origine forlivese: Edgardo Zauli Sajani, Amilcare Casati e Alfredo Zoli.
La mostra, è inserita nel percorso di visita di Palazzo Romagnoli e sarà visitabile fino al 17 giugno 2018.

Pieghevole

 

Ulteriori informazioni su questo evento…

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/01/2018 — ultima modifica 16/01/2018
< archiviato sotto: , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali