Modena - Torna al suo posto la stele dei Lollii

Sabato 28 ottobre a Modena presso il Museo "Enzo Ferrari" , dopo un attento restauro sostenuto dall'IBC grazie ai finanziamenti della LR 18 - piano museale 2016, viene ricollocata nella sua ubicazione originaria la stele funeraria romana dei Lollii, rinvenuta nei pressi. L'evento si colloca nell'ambito delle celebrazioni per "Mutina Splendidissima".

Dettagli dell'evento

Quando

28/10/2017
dalle 16:00 alle 20:00

Dove

Modena - Museo Enzo Ferrari - via E. Ferrari 85

Aggiungi l'evento al calendario

Una famiglia benestante, i Lollii, probabilmente imprenditori o di artigiani operanti in una città romana - Mutina - fra le più importanti della Gallia Cisalpina, non a caso definita da Cicerone "splendidissima",  dedica ai propri membri defunti una stele funeraria imponente, nel desiderio di tramandare per l'eternità  i nomi di alcuni degli esponenti del gruppo famigliare. Siamo nella prima metà del I sec. d.C., l'area di collocazione della stele è a pochi metri dall'attuale Museo "Enzo Ferrari".  Dopo due millenni il monumento ritorna  fortunosamente alla luce e, grazie a un attento restauro sostenuto dell'Istituto Beni Culturali nell'ambito del Piano museale 2016, sabato 28 ottobre viene riposizionato nel cortile di accesso del MEF, proprio là dove i suoi antichi destinatari l'avevano voluto far erigere a loro imperitura memoria e alla vista dei passanti.

Il confronto fra passato e presente,  nella prospettiva di una  imprenditorialità che la città esprime da sempre e  che ha dato luogo nel tempo a illustri realizzazioni e a marchi universalmente riconosciuti come quello celebrato dal Museo Ferrari, è il filo conduttore dell'odierna iniziativa Ars Tua Ars Mea: Fabrica nostra. Storie modenesi antiche e contemporanee, durante la quale la cerimonia di ricollocazione della stele dei Lollii sarà animata da letture dell'ERT Fondazione, che insieme al Museo Ferrari ha collaborato  alla realizzazione dell'evento promosso dai Musei Civici di Modena.

L'evento rientra nel Programma di iniziativa regionale “2.200 anni lungo la via Emilia”, frutto di un protocollo di intesa  fra Istituto Beni Culturali, Comuni di Modena, Reggio Emilia e Parma,  Uffici periferici del MIBACT, a celebrazione dell’anniversario di  fondazione di Mutina, e inserito  dall'IBC nei piani di sviluppo del sistema museale regionale realizzati con il sostegno della LR. 18/2000.

Leggi il programma completo

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/10/2017 — ultima modifica 20/10/2017
< archiviato sotto: , , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali