Crevalcore: riapre il Museo della Pace "Guido Mattioli"

Sabato 4 novembre, a Crevalcore, riapre i battenti il Museo della Pace "Guido Mattioli", gravemente danneggiato dagli eventi sismici del maggio 2012, oggi rinnovato nell'assetto e nelle dotazioni con il recupero del patrimonio precedentemente musealizzato e con l'esposizione di nuovi reperti che arricchiscono le tematiche trattate. L'inaugurazione si inserisce nell'iniziativa "Si sta come d'autunno", promossa dal Comune di Crevalcore nei giorni 4-5 novembre per il 99° anniversario della fine della prima Guerra mondiale.

Dettagli dell'evento

Quando

dal 04/11/2017 alle 11:00
al 05/11/2017 alle 18:00

Dove

Crevalcore - Centro Melò- via Candia 385a a

Persona di riferimento

Recapito telefonico per contatti

0516871757

Aggiungi l'evento al calendario

Sino ai distruttivi eventi sismici  del maggio 2012 il Museo della Pace "Guido  Mattioli"  esponeva al pubblico importanti materiali relativi agli eventi della prima Guerra mondiale. reperiti dal collezonista nei campi di battaglia  e nei luoghi di combattimento del Carso. Purtroppo i gravi danneggiamenti subiti avevano costretto  alla dismissione del museo in attesa  di una nuova idonea sede e di un  aggiornamento espositivo dei contenuti storici di cui l'istituto era portatore.  Grazie anche al sostegno della LR 18/2000, nell'ambito del piano museale 2016, il Comune di Crevalcore, ha messo a disposizione della collettività  per la realizzazione di nuova  e aggiornata sezione museale alcuni spazi  all’interno del Centro Culturale Melò. Qui hanno trovato posto non solo i materiali  già presenti nel dismesso museo, ma anche nuovi reperti e documenti, mai sinora esposti al pubblico, in grado di arricchire e approfondire le tematiche trattate, contribuendo a fornire al visitatore un nuovo e suggestivo impatto visivo della storia del Novecento, che necessita di una riproposizione e valorizzazione in senso storico, fortemente legato al territorio.

Il rinnovato percorso di visita si avvale di diversi strumenti (illustrazioni, disegni, ricostruzioni e riproduzioni interattive, supporti digitali ed apps), in grado di offrire una visita coinvolgente e interattiva che consente ad ogni tipo di pubblico  la leggibilità dei materiali esposti e degli apparati informativi. Il nuovo polo, nell'approfondire temi legati a questo particolare e travagliato momento, manifesta una preponderante vocazione educativo-didattica.

In continuità con le scelte e gli indirizzi espressi dall'Unione intercomunale di Terred'Acqua, la realizzazione di una  sezione dedicata all’età contemporanea con sede a Crevalcore intende ampliare e ulteriormente qualificare l’offerta museale del territorio; in questa prospettiva il nuovo polo diviene parte integrante del Museo Archeologico Ambientale e si inserisce nel sistema condividendone gli obiettivi fissati per conseguire una maggior coesione delle realtà territoriali, delle risorse ed una logica organizzazione dei percorsi proposti.

L'inaugurazione avrà luogo alle ore 11, con la deposizione di una corona  alla presenza dei famigliari di G. Mattioli e con la benedizione da parte del capellano militare don Giuseppe Grigolò.

Intervengono: Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna - Claudio Broglia, Sindaco di Crevalcore - Mariarosa Nannetti, Assessore alla Cultura del Comune di Crevalcore - Roberto Balzani, Presidente dell'Istituto Beni Culturali - Fiamma Lenzi, funzionario IBC - Silvia Marvelli, Direttore del Museo Archeologico Ambientale di Terred'Acqua.

A seguire, un ricco programma di iniziative: una mostra sulle battaglie dell'Isonzo, la ricostruzione di una trincea della Grande Guerra, una postazione informatica del Museo del Risorgimento di Bologna, un gruppo di rievocazione in divise d'epoca.

Nella giornata del 5 novembre, manifestazioni per il 99° anniversario della fine della Grande Guerra: cerimonie religiose, deposizione di corone, cortei, concerto del corpo bandistico.

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/10/2017 — ultima modifica 23/10/2017

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali