Arte a Cesenatico: ricordo di Luciano Caldari

Una mostra per ricordare Luciano Caldari ed il suo rapporto con Cesenatico come pittore e animatore in campo artistico. Prorogata al 28 gennaio

Dettagli dell'evento

Quando

dal 03/12/2017 alle 18:30
al 28/01/2018 alle 00:00

Dove

Cesenatico, Galleria Comunale d’Arte ‘Leonardo da Vinci’

Aggiungi l'evento al calendario

Fino al 28 gennaio, presso la Galleria Comunale d’Arte ‘Leonardo da Vinci’ , è possibile visitare la mostra Arte a Cesenatico. Ricordo di Luciano Caldari (1925 – 2012).

L’iniziativa intende ricordare il profondo legame che ha unito il noto artista, d’origine savignanese e cesenate d’adozione, a Cesenatico ed al suo ambiente.
Di Caldari sono esposti dipinti e opere grafiche che fanno parte della Raccolta Comunale d’Arte e provenienti da collezioni private di amici e sodali cesenaticensi del pittore. E’ anche documentato l’impegno espresso da Caldari nei primi anni ’60 come direttore artistico della Galleria d’Arte ‘Il Bragozzo’ per conto dell’Azienda di Soggiorno con l’esposizione di dipinti e disegni di noti artisti italiani, tuttora conservati presso il Palazzo del Turismo: tra gli altri, Giovanni Cappelli, Alberto Sughi, Giancarlo Cazzaniga, Gino Meloni, Bruno Cassinari, Ernesto Treccani, Giuseppe Banchieri, Mino Ceretti, Renzo Vespignani, Ennio Morlotti.
La Galleria Comunale d’arte ‘Leonardo da Vinci’ segna l’inizio di un percorso che conduce alla Sala Consigliare del Palazzo Comunale e all’atrio dell’Ospedale G. Marconi, ove si conservano le due grandi pitture eseguite dal maestro nel corso degli anni ’60: la prima raffigurante una caratteristica scena di pescatori sul porto canale di Cesenatico, mentre la seconda, intitolata La folla, è generalmente considerata tra le opere più rappresentative dello stile figurativo dell’artista.

Nato a Savignano sul Rubicone nel 1925 Luciano Caldari ha studiato a Bologna, dove si è diplomato nel 1945 al Liceo Artistico. Ha iniziato la carriera artistica in ambito cesenate a contatto con i coetanei Alberto Sughi e Giovanni Cappelli, aderendo al movimento neorealista. Ha inizialmente affrontato tematiche d’impegno sociale, sul mondo del lavoro bracciantile e contadino. Frequenti anche i soggetti legati alla marineria. Agli inizi degli anni ‘50 ha soggiornato per breve tempo a Roma, prima di entrare in contatto con l’ambiente milanese. Nel capoluogo lombardo ha esordito nel ‘51 con una mostra personale alla Galleria Bergamini. Nel 1956 è stato presente con opere grafiche alla Biennale di Venezia. Durante il periodo milanese ha rivolto la propria attenzione alla condizione ed ai processi di alienazione dell’uomo nella società del suo tempo. Da allora, e dopo il rientro a Cesena, ha espresso una figurazione d’ispirazione esistenziale ed intimista. Nel 1960 ha ottenuto importanti riconoscimenti al ‘Premio Marzabotto’ ed al ‘Premio Cassiano Fenati’. Ha insegnato all’Accademia di Belle Arti di Ravenna, dove nel 1972 ha presentato sue opere al ‘Morgan’s Paint’. Nel ‘74 Cesena gli ha dedicato una grande mostra antologica curata da Mario De Micheli. Nell’ultimo periodo ha vissuto ed operato appartato nella sua casa-studio sulla collina cesenate, e non si registrano significative apparizioni pubbliche. Luciano Caldari è scomparso nel 2012.
Ideata e curata da Orlando Piraccini e organizzata dal Servizio Beni Culturali del Comune di Cesenatico, la mostra è promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Cesenatico con il patrocinio dell’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna.

L’esposizione è aperta al pubblico dal 3 dicembre 2017 fino al 28 gennaio 2018. Orari di apertura: sabato 12-19; domenica e festivi 9-19. Prenotazioni e visite guidate, infomusei@cesenatico.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 24/11/2017 — ultima modifica 16/01/2018
< archiviato sotto: , , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali