A Imola la mostra "Sacre custodie di santità"

Al Museo Diocesano fino al 14 maggio sono esposti reliquiari ad ostensorio tra XVII e XIX secolo

Dettagli dell'evento

Quando

dal 01/04/2017 alle 17:00
al 14/05/2017 alle 00:00

Dove

Imola, Galleria Pio VII del Museo Diocesano

Persona di riferimento

Recapito telefonico per contatti

Tel. 0542 25000 - fax 0542 34672

Aggiungi l'evento al calendario

La mostra, allestita nella Galleria Pio VII del vescovado dal 1° aprile al 14 maggio, propone una sessantina di manufatti – realizzati in materiali vari, quali l'argento, il metallo, il rame, il legno laccato, marmorizzato, argentato e dorato –  di grande interesse storico-artistico custoditi non solo nel Museo Diocesano di Imola, ma anche in quelli parrocchiali di Dozza Castelbolognese e Bagnara di Romagna, oltre che da quindici chiese della Diocesi e dal Seminario Diocesano, di dimensioni variabili (da 32 a 175 cm di altezza), principalmente opera di botteghe attive a Imola, Bologna, Roma e Venezia, databili tra il XVII e il XIX secolo.
L'esposizione prosegue il percorso iniziato lo scorso anno con la mostra sui reliquiari antropomorfi, proponendosi di offrire al visitatore una doppia chiave di lettura del tema: una puramente conoscitiva a livello storico-artistico ed estetico (pannelli descrittivi e didascalie dedicate per ogni singola opera ne favoriscono la fruizione) e l'altra prettamente devozionale, legata cioè alla devozione ai santi mediata dal culto alle loro reliquie.

L'immagine guida della mostra è il pregevole reliquiario a ostensorio sostenuto da gruppo scultoreo ligneo, opera di bottega romana della prima metà del XIX secolo, proveniente dalla Cattedrale di Imola (non  menzionato nelle cronache capitolari dell'epoca, tuttavia, dovrebbe comunque essere giunto in seguito ad una munificenza papale, coerentemente con la possibile datazione entro la metà del secolo, in corrispondenza coi pontificati di Pio VII e Pio IX. Non dimentichiamo, infatti, che Pio VII nel 1816 donò alla cattedrale imolese tre calici e un grande repositorio in argento, mentre Pio IX nel 1856 dotò l'altare maggiore di un corredo di candelabri monumentali in bronzo dorato eseguito a Roma e la balaustra marmorea d'ingresso al presbiterio di quattro grandi angeli cerofori, in legno dorato e dipinto, a figura intera), quello a ostensorio eseguito nella seconda metà del Settecento dall'orafo romano Giuseppe Grazioli (sempre dalla Cattedrale),  il bellissimo reliquiario di San Francesco di Paola in lamina d'argento, realizzato dall'orafo romano Paolo De Alessandris nel secondo quarto del Settecento (dal museo parrocchiale di Castel Bolognese), o quelli in legno dorato con elaborate decorazioni a paperoles. Un particolarissimo reliquiario a ostensorio proveniente dalla parrocchiale di Castel del Rio – opera di bottega italiana della prima metà del XVIII secolo – il quale, contrariamente agli altri di questa tipologia, è completamente decorato non solo sul fronte, ma anche sul retro; due grandi (h cm 95) reliquiari settecenteschi in legno laccato e dorato di notevole qualità d'intaglio (da Massalombarda) e altri due della medesima qualità e dimensione, ma totalmente dorati, custoditi al santuario del Molino di Lugo, lo splendido reliquiario veneziano in argento e filigrana d'argento (sec. XVIII-primo quarto), custodito al Museo Diocesano di Imola, che viene presentato in anteprima dopo un lungo intervento di restauro, gli esemplari – sei e settecenteschi – di altissima qualità esecutiva, provenienti dalle chiese imolesi di Sant'Agata e San Lorenzo in San Carlo. Infine, l'esemplare bolognese (sec. XVIII-terzo quarto) della Pia Unione dei Set­tantadue Nobili del Suffragio di Imola, quello alle armi di papa Benedetto XIV (da San Lorenzo in Selva di Lugo) e quello realmente monumentale (h cm 175) in stile settecentesco, ma eseguito già nel tardo Ottocento, custodito nella parrocchiale di Sasso Morelli.

L'evento, a cura di Marco Violi e promosso dal Museo Diocesano di Imola, gode del patrocinio dell'AMEI (Associazione Musei Ecclesiastici Italiani) e dell'IBC.

L'inaugurazione

L'inaugurazione è fissata per sabato 1° aprile 2016, dalle ore 17. Interverranno - oltre al vescovo S. E. Mons. Tommaso Ghirelli e a Marco Violi cocuratore della mostra e vicedirettore del Museo Diocesano - Giovanni Gardini (Docente di archeologia e iconografia cristiana, Istituto Superiore di Scienze Religiose “S. Apollinare” di Forlì e “A. Marvelli” di Rimini), che parlerà sul tema: “Il culto dei santi: reliquie e reliquiari in epoca paleocristiana e bizantina” e Lidia Bortolotti (storica dell'arte del servizio musei dell'IBC della Regione Emilia-Romagna), che parlerà sul tema: Reliquiari: contenitori - espositori per il limite umano e l’immortalità dello spirito”, presentando di fatto le opere in mostra e la loro tipologia dal punto di vista storico-artistico.

Invito

Locandina

MUSEO E PINACOTECA DIOCESANI DI IMOLA
Palazzo Vescovile
Piazza Duomo, 1 - 40026 Imola (Bo)
Orari di apertura
martedì, mercoledì e giovedì ore 9-12
martedì e giovedì ore 14-17
sabato e domenica ore 15.30-18.30
(16, 25 aprile e 1° maggio chiuso)




 

Ulteriori informazioni su questo evento…

Azioni sul documento
Pubblicato il 27/03/2017 — ultima modifica 27/03/2017
< archiviato sotto: , , , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali