A Bagnacavallo presentazione del "Repertorio digitale dell'incisione italiana contemporanea"

A Bagnacavallo sabato 16 dicembre 2017 presentazione del Repertorio digitale dell'incisione italiana contemporanea, in occasione dell'inaugurazione della 2° Biennale di incisione "Giuseppe Maestri".

Dettagli dell'evento

Quando

16/12/2017
dalle 16:00 alle 20:00

Dove

Bagnacavallo, Museo Civico delle Cappuccine

Aggiungi l'evento al calendario

Repertorio digitale dell'incisione italiana contemporaneaIl Repertorio è un innovativo portale web in continuo aggiornamento che ricostruisce la storia recente dell'incisione italiana e dei suoi protagonisti. Il Repertorio è curato dal Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo, in collaborazione con IBC Emilia-Romagna.

Presenteranno il repertorio Claudio Leombroni, Direttore dell'IBC, Diego Galizzi, Direttore del museo Civico delle Cappuccine e Isabella Giacometti dell'IBC.

Più di 1.500 schede informative sugli incisori, circa 12.000 schede di opere incisorie, ricerca avanzata per soggetti / tecniche, 24 biennali e premi artistici nazionali monitorati, mappa degli incisori in italia.

 

 



 

"Le straordinarie opportunità offerte dalla digital technology innovation anche nel campo della valorizzazione e della comunicazione museale sono ormai una realtà con la quale confrontarsi se si vuole tenere il passo con i veloci cambiamenti della società. Oggi nel settore museale arroccarsi su condotte di tipo inerziale e tese alla chiusura quasi gelosa sul proprio patrimonio e sulle proprie prerogative non è più un'opzione strategica percorribile. Al contrario appare sempre più imprescindibile avviare percorsi volti non solo a ridefinire i rapporti con il proprio pubblico, ma anche ad intercettarne di nuovi, in primo luogo la vastissima platea degli utenti digitali. In quest'ottica, anche la pluridecennale ricerca sul fronte della conoscenza e della valorizzazione dell’incisione contemporanea condotta dal Gabinetto delle Stampe di Bagnacavallo non poteva non tenerne conto.

Repertorio digitale dell'incisione italiana contemporaneaIl fattore di maggior riconoscimento a livello nazionale del Gabinetto delle Stampe bagnacavallese (settore di attività di primaria importanza del Museo Civico delle Cappuccine) è stata fin qui la pubblicazione periodica del Repertorio degli Incisori Italiani, pubblicazione che è divenuta nel tempo un supporto indispensabile per chi si occupi di incisione contemporanea o più semplicemente per tutti coloro che abbiano interesse a conoscere gli incisori dal punto di vista della loro opera, della loro formazione e della loro attività espositiva. Proprio su questo fronte oggi si sta portando a termine, grazie soprattutto al convinto sostegno e contributo dell’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali dell’Emilia-Romagna, un progetto di grande innovatività che prevede la trasformazione di quella che era una pubblicazione cartacea in un ambizioso portale web denominato Repertorio digitale dell’incisione italiana contemporanea (in linea da dicembre 2017 all’indirizzo www.repertoriobagnacavallo.it); l’intento è quello di dar vita ad uno strumento conoscitivo online che sia punto di riferimento nazionale e internazionale (grazie alla prevista versione in lingua inglese) per la conoscenza della grafica contemporanea italiana. In sostanza il portale integrerà le informazioni sugli artisti italiani impegnati nel campo dell’incisione precedentemente pubblicate nel volume cartaceo (con possibilità, ovviamente, di aggiornare le schede con facilità e in qualsiasi momento) con la straordinaria ricchezza delle schede di catalogo delle collezioni contemporanee del Gabinetto delle Stampe, che ad oggi ammontano a quasi 12.000 opere. Grazie alla strutturazione di una complessa banca dati, le schede di presentazione degli incisori, al momento più di 1.500, sono state automaticamente allacciate alle schede catalografiche delle opere e alle relative immagini. Oltre a questo, altre funzionalità di grande interesse sono messe a disposizione degli utenti: il portale infatti tiene monitorati i principali premi artistici e le biennali dedicate all’arte incisoria in Italia, raccogliendo le informazioni sulle partecipazioni degli artisti e sui riconoscimenti conseguiti. Questo consente non solo di ricostruire automaticamente nelle schede degli artisti la memoria delle loro presenze a queste importanti manifestazioni, o dei premi da loro conseguiti, ma di fatto anche di ricostruire la storia recente dell’incisione italiana e dei suoi protagonisti, anche per mezzo di una mappa interattiva che illustra la storia e le principali caratteristiche delle manifestazioni nazionali che hanno illustrato, e continuano a illustrare, le ricerche e linee di tendenza di questo linguaggio artistico così antico e di grandi potenzialità espressive.

L’aspetto più innovativo e certamente virtuoso di questo progetto è che tutta la documentazione raccolta sugli incisori, tutta la mole di informazioni relative alla loro carriera e alla loro partecipazione alle principali manifestazioni nazionali, le immagini e le informazioni su migliaia di opere incisorie messe in relazione con le schede anagrafiche degli autori, saranno veicolate in un unico strumento, complesso ma intuitivo, ma soprattutto aperto, poiché il Repertorio digitale sin dall’inizio nasce sotto il segno di una stretta integrazione con il PatER, il Catalogo del patrimonio culturale dell'Emilia-Romagna; grazie a questo sistema di collegamento ogni scheda catalografica inserita nel Repertorio digitale sarà contestualmente inserita nel Catalogo regionale e conseguentemente sarà collegata alle principali banche dati nazionali e internazionali del Patrimonio.

Per il Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo tutto questo rappresenta un nuovo, innovativo filone di impegno, che scaturisce dalla ferma convinzione che il Gabinetto delle Stampe, in quanto istituto culturale al servizio della comunità, debba avere come finalità primaria quella di preservare e mettere a disposizione del pubblico il proprio patrimonio fatto di opere d’arte ma anche di informazioni. A partire da oggi quel “mettere a disposizione” esprimerà anche una capacità in più, quella cioè di essere un soggetto fortemente orientato alla diffusione delle conoscenze anche grazie alla sperimentazione delle nuove e straordinariamente efficaci vie offerte dalla comunicazione digitale."

Diego Galizzi - Direttore, Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo

Ulteriori informazioni su questo evento…

Azioni sul documento
Pubblicato il 14/12/2017 — ultima modifica 15/12/2017
< archiviato sotto: >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali