A Santa Sofia la mostra "Arte cesenate al tempo del Campigna"

Dal 30 aprile alla Galleria d’Arte Contemporanea “Vero Stoppioni” una mostra rievoca il legame di Cesena città d’arte con Santa Sofia e il suo “Premio Campigna”

Dettagli dell'evento

Quando

dal 30/04/2016 alle 16:30
al 26/06/2016 alle 00:00

Dove

Santa Sofia, Galleria d’Arte Contemporanea “Vero Stoppioni”

Persona di riferimento

Ufficio Cultura

Recapito telefonico per contatti

0543975428-29

Aggiungi l'evento al calendario

Sarà inaugurata sabato 30 aprile 2016 alle ore 16,30, alla Galleria d’arte contemporanea “Vero Stoppioni” di Santa Sofia la mostra Arte cesenate al tempo del “Campigna”. L’esposizione, promossa dal Comune di Santa Sofia, con il patrocinio e la collaborazione dell’Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna, illustra momenti e aspetti importanti della storia del “Premio Campigna”, legati alla presenza dell’ambiente artistico cesenate a Santa Sofia dalla nascita della manifestazione nel 1955 all’ultima sua edizione concorsuale del 1978
Fin dalle prime edizioni del “Campigna”, svoltesi nella suggestiva cornice della foresta appenninica, l’ambiente artistico cesenate ha rivolto una particolare attenzione al concorso di Santa Sofia, riconoscendo un significato speciale nelle sue ragioni e motivazioni legate alla valorizzazione dell’ambiente naturale, ma anche apprezzamento per la cura organizzativa e il buon livello delle commissioni giudicatrici.
Cesenati (Alberto Sughi e Giovanni Cappelli) furono tra i premiati alla prima edizione “estemporanea” del ’55 da una giuria della quale fecero parte – tra gli altri – il pittore locale Innocente Biserni, detto Cencino, l’artista bolognese Aldo Borgonzoni e il noto critico Marcello Azzolini. Osvaldo Piraccini è per la prima volta premiato al “Campigna” in occasione della seconda edizione del ’56, mentre nell’anno seguente torna a trionfare Giovanni Cappelli.
Nel 1957 entra a far parte della commissioni giudicatrice Vero Stoppioni, vero artefice del futuro successo del “Premio” e grande estimatore dell’ambiente artistico cesenate. Sarà lui a chiamare più volte a Santa Sofia Alberto Sughi, sia nella veste di espositore che di membro di giuria. Accanto a Cappelli, un altro promettente artista cesenate, lo scultore Amedeo Masacci, è chiamato da Stoppioni a far parte della commissione giudicatrice dell’edizione 1963. Cesenate è l’artista che risulterà in assoluto il più premiato alle edizioni concorsuali del “Campigna” tra il 1955 ed il ’78: dopo il riconoscimento del ’56, Osvaldo Piraccini sarà dichiarato vincitore nel 1964, nel 1966 e all’ultima edizione “a premi” del 1978.

Sono oltre sessanta le opere in mostra. Tra gli autori presenti, oltre a Cappelli, Sughi, Masacci, Piraccini, anche Luciano Caldari, Mario Bocchini, Obes Gazza, Andrea Tassini, Italo Riciputi, Gaudio Serra, Aristide Gattavecchia, Silvano Barducci, Ugo Pasini, Carlo Panzavolta.
Il percorso espositivo si articola in diverse sezioni. Si inizia con le opere e i documenti che attestano la presenza degli artisti cesenati nell’ambito del “Premio Campigna” e dell’ambiente santasofiese. Sono qui esposte opere facenti parte della Raccolta della Galleria “Stoppioni” e di collezioni private santasofiesi.
A seguire figurano dipinti “cesenati” provenienti dalla Raccolta d’arte della Provincia di Forlì-Cesena e visibili al pubblico in questa occasione. Si tratta di opere “d’origine cesenate” altamente rappresentative, anch’esse legate alla cosiddetta “stagione dei premi”.
Dalla Biblioteca Malatestiana di Cesena provengono invece alcuni dipinti della Collezione Renzo Ravegnani assieme ad una serie di istantanee del noto fotografo scattate sul finire degli anni ’60 negli studi di pittura di Sughi, Cappelli e Piraccini. A quest’ultimo è dedicato un piccolo omaggio con una serie di dipinti “di paesaggio” eseguiti tra la fine degli anni ’70 e i giorni nostri, in una sorta di continuità con Terra abbandonata, l’opera vincitrice del “Campigna” del ‘78. I dipinti, quasi tutti eseguiti “dal vero” nell’alta collina tra le valli del Savio e del Bidente, si iscrivono in uno spazio poetico astratto-concreto e sono da vedere “nella direzione della tonalità e della libertà dell’immagine” (Francesco Arcangeli).

La mostra, realizzata grazie alla collaborazione scientifica di Orlando Piraccini e coordinata da Caterina Mambrini e Giuseppe Michelacci, resterà aperta al pubblico fino al 26 giugno.

Orario di visita: domenica 9,30-12,30 e 15,00-18,00 e su prenotazione e richiesta.

Azioni sul documento
Pubblicato il 26/04/2016 — ultima modifica 26/04/2016
< archiviato sotto: , >

Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Cod. fiscale 800 812 90 373 - Via Galliera 21, 40121 Bologna

tel. +39 051 527 66 00 - fax +39 051 232 599 - direzioneibc@postacert.regione.emilia-romagna.it - peiibacn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali